Controlli a tappeto sul territorio a Pasqua Foto MMPHMPH

FORLI’. Probabilmente l’euforia derivante dall’imminente fine del lockdown ha condizionato le azioni di un 39enne forlivese, che nel fine settimana è stato “pizzicato” dagli agenti della Polizia di Stato fuori dalla propria abitazione dove aveva l’obbligo di permanere in isolamento domiciliare disposto dal dipartimento di prevenzione dell’Ausl, a causa della positività al COVID-19 di un familiare convivente.

L’uomo – pur indossante la mascherina – è stato sottoposto a controllo a bordo dell’autovettura di una amica, rivelatasi ignara che l’amico fosse sottoposto a quarantena. I fatti risalgono al pomeriggio di venerdì scorso, quando una pattuglia della Questura, impegnata nel pattugliamento dell’area limitrofa al parco urbano “Franco Agosto”, ha proceduto al controllo degli occupanti di una autovettura in sosta nel parcheggio. Dalla verifica preliminare nella banca dati messa a disposizione delle Forze di Polizia è emersa la violazione commessa dall’uomo, che ha trovato conferma nel successivo vaglio con l’Ausl che ne ha certificato lo stato di quarantena, pur in assenza di un attuale riscontro di positività al coronavirus.

Il 39enne è stato sottoposto alla sanzione amministrativa di 533,33 euro in base all’art. 4 del Decreto Legge numero 19 del 25 marzo scorso, prevista per chi viola le misure di contenimento con l’utilizzo di un veicolo. Anche la donna è stata sanzionata in quanto si accompagnava in auto con persona non convivente, in assenza di un motivo legittimo ai sensi della normativa vigente prima dell’adozione del decreto del 17 maggio.

Argomenti:

coronavirus

Forlì

quarantena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *