Forlì, contro degrado del centro più telecamere e più agenti

Da chi sbevazza a chi bivacca fino a chi non raccoglie le deiezioni del proprio cane. La lotta contro il degrado in centro storico da parte dell’amministrazione comunale di Forlì si sintetizza nell’ultimo mese con 30 servizi e 19 multe elevate in base al regolamento di Polizia urbana. Di cui sei per azioni vietate in suolo pubblico, otto per consumo di bevande alcoliche, due per divieto di bivacco molesto, una per conduzione animale e due per mancata raccolta di escrementi.


Il punto lo fa questa mattina con la stampa il vicesindaco Daniele Mezzacapo, assieme al vicecomandante della Polizia locale Andrea Gualtieri e al commissario Andrea Fabbri, subito dopo avere incontrato una delegazione di cittadini del quartiere del Centro che gli chiedevano conto di quanto si stia facendo in termini di sorveglianza e interventi di ordine pubblico nell’area e in alcune zone più critiche”. C’è “massima disponibilità di condivisione delle informazioni”, sottolinea Mezzacapo, con la messa a disposizione dei dati della Polizia locale. Tenendo presente, rimarca, che “Forlì resta pur sempre un’oasi felice in fatto di cronaca”. In arrivo ci sono comunque nuove telecamere, a fine estate saranno 360, con focus sulle zone ancora sensibili.


Non solo: dall’1 aprile sarà potenziata l’Unità antidegrado della Polizia locale, per un totale di 10 agenti impegnati ai quali si aggiungerà un’unità specifica per il centro storico con otti agenti. Tornando ai numeri, se nell’ultimo mese sono stati 30 i servizi anti-degrado, con 19 sanzioni appunto, da inizio anno sono le 18 persone sospette controllate, 40 i velocipedi o rottami di velocipedi rimossi, 20 le segnalazioni inoltrate ad altri uffici e 18 le persone denunciate a seguito di controlli anti-degrado.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui