Forlì città per il Libano: in agosto attesi 20 studenti

Non si ferma il progetto “Forlì città per il Libano”. In agosto, infatti, arriveranno una ventina di ragazzi libanesi per un’occasione di scambio con gli studenti forlivesi coinvolti durante l’anno scolastico appena concluso. Già da diversi mesi il Comune e il 66° Reggimento hanno avviato un percorso in collaborazione con molte importanti realtà locali quali il Comitato per la lotta contro la fame nel mondo, Avis di Forlì, la Diocesi di Forlì-Bertinoro, la Caritas di Forlì, i Club Lions, i Club Rotary, No.Vi.Art, Flamigni srl realizzando numerose attività di cooperazione internazionale con raccolte fondi e materiali che hanno coinvolto a tutto tondo il tessuto sociale ed economico forlivese, con particolare attenzione al mondo giovanile grazie all’azione di istituti comprensivi e superiori, nonché delle scuole di musica del territorio.

A questo proposito, dal 17 al 25 agosto la città di Forlì ospiterà una delegazione di 20 ragazzi libanesi. Nello specifico 15 giovani, più 4 accompagnatori, sono del coro di orfani di guerra dell’associazione Lea Arkury, 3 ragazzi più un adulto dello Smart College, 2 studenti più un accompagnatore in rappresentanza del Liceo Pubblico di Albazuriha. La stessa delegazione, inoltre, avrà modo di conoscere personalmente i compagni di viaggio delle scuole forlivesi che in questo anno hanno preso parte alla progettazione che fino ad ora si è svolta da remoto.

Allo stesso tempo la città di Forlì ha l’opportunità di toccare con mano il frutto della collaborazione nelle due serate concerto in programma all’Arena Estiva del San Domenico il prossimo 22 e 23 agosto. Insomma, si dà concretezza a quanto fatto fino ad ora a sostegno della popolazione libanese. L’ospitalità e gestione dell’evento, come si legge nella determina, sarà coordinata dal Comitato per la lotta contro la fame nel mondo, mentre ciascun soggetto facente parte del progetto “Forlì città con il Libano” interverrà attivamente nella gestione di specifici momenti del programma (ancora in fase di definizione) di visita dei ragazzi facendosi carico dei relativi oneri, allo stesso tempo il Comune parteciperà alle spese con un importo di 2.500 euro.

«Il progetto “Forlì città per il Libano” non è del Comune ma di tutti i forlivesi, nel corso di questo anno sono state date connotazioni diverse alla progettazione – afferma l’assessora alle politiche sociali, Rosaria Tassinari -, tra cui quella di far interagire tra loro i ragazzi. Con la delegazione di giovani libanesi in arrivo nella nostra città daremo loro l’opportunità di creare un legame attraverso una vera e propria esperienza di scambio».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui