Forlì-Cesena, Confedilizia: “Bonus 110%, eliminare la scadenza del 30 giugno”

Confedilizia Forlì-Cesena interviene su una vicenda che rischia di mettere a repentaglio numerosi cantieri avviati sulla spinta del super bonus 110%. “Si tratta della norma – spiegano il presidente provinciale di Confedilizia, Carlo Caselli, e Attilio Amadori del direttivo dell’Associazione – che prevede che entro il 30 giugno sia dichiarato come eseguito il 30% di tutti i lavori da svolgere su case unifamiliari, per i quali si chiede di usufruire del super bonus 110%”. Caselli e Amadori aggiungono: “E’ di fatto una forte penalizzazione per tutti gli operatori del settore. Le imprese edili dovranno procedere con tempistiche veloci a scapito di una buona esecuzione delle opere e con le difficoltà a reperire materiali edilizi in tempi utili, il tutto perché una norma legislativa ha calato all’improvviso dall’alto questa scadenza del 30 giugno”.
Amadori, nella sua veste anche di geometra e consulente tecnico di Confedilizia Forlì-Cesena, poi sottolinea: “Essendo gli interventi di riqualificazione energetica e miglioramento sismico eseguiti su edifici esistenti, è sempre difficile quantificare nella loro interezza l’effettiva esecuzione del 30% dei lavori, dichiarazione questa che la normativa indica come necessaria entro il 30 giugno, pena la decadenza del beneficio del super bonus”.
La proposta avanzata da Confedilizia Forlì-Cesena è chiara: “Eliminare la scadenza del 30 giugno, e rivedere anche la data del 31 dicembre 2022 per la fine lavori delle abitazioni unifamiliari”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui