Forlì, Celanese ha sostenuto la ristrutturazione dell’edificio Ex-Gil

Anche questo anno nel mese di settembre i dipendenti Celanese hanno partecipato a progetti di volontariato organizzati dall’azienda per aiutare alcune delle realtà locali. Ad ogni dipendente infatti vengono concessi dall’azienda due giorni all’anno retribuiti per dedicarsi ad attività di tipo sociale. “Quest’anno – si legge in una nota – Celanese ha pensato di rinforzare l’impegno dei suoi dipendenti aderendo alla campagna Art Bonus e sostenendo, con una donazione in denario, la ristrutturazione dell’edificio Ex-Gil che diventerà il primo Auditorium della Musica per la città di Forlì”.
“Celanese ha accettato da subito con entusiasmo di aderire alla campagna Art Bonus come donatore. Per noi infatti questo gesto ha una duplice valenza – commenta Chiara Beltrame, Direttore dello stabilimento Celanese di Forlì “Dopo due anni difficili dovuti anche alle restrizioni imposte dalla pandemia Covid e nei quali tutti abbiamo risentito di una minore socialità, Celanese desiderava dare il proprio contributo alla rinascita sociale della città, non solo per i propri dipendenti ma per tutte le persone parte della comunità forlivese all’intero della quale Celanese opera. Poter supportare un progetto come la costruzione di un Auditorium Musicale non solo per i grandi nomi d’orchestra, ma anche per piccoli talenti musicali cittadini emergenti, ci rende orgogliosi.”
Fondata nel 2014 a Dallas, Texas, la Celanese Foundation è una organizzazione no-profit che si concentra su tre aree: famiglia, educazione e un ambiente sicuro in cui vivere e lavorare. L’impegno sociale è sostenuto principalmente dai dipendenti che nel 2020, nonostante la pandemia, in più di 4000 hanno trovato modalità creative per supportare oltre 1000 organizzazioni no profit in tutto il mondo registrando circa 119.000 ore di volontariato.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui