Forlì, bollette alle stelle: esercenti in crisi

L’aumento del costo dell’energia non risparmia nessuno e se si aggiunge quello delle materie prime per bar e ristoranti è facile intuire che è praticamente inevitabile il ritocco dei prezzi.

«Rispetto all’anno scorso i costi delle bollette sono praticamente raddoppiati – afferma Andrea Zocca, titolare dei due Mc Donald’s presenti a Forlì e presidente della Fipe – quindi è un problema che riguarda tutta la categoria, attività di ristorazione piccole o grandi. A questo si aggiungono gli aumenti delle materie prime. Per quanto riguarda l’attività degli esercizi che seguo a Forlì, la nostra struttura ci consente di gestire gli aumenti, è chiaro che sugli incassi l’incidenza di luce e gas è raddoppiata, i margini si riducono. Poi va considerato l’aumento delle materie prime di base come carne, latticini e derivati che hanno avuto rincari notevoli – prosegue Zocca – costi che si ripercuotono su tutta la filiera della ristorazione e dei bar. Noi lo scorso anno avevamo previsto un aumento delle materie prime attorno al 5-6% in realtà è più del doppio, e questo indipendentemente dal costo dell’energia. È chiaro che in queste condizioni un ritocco dei prezzi è inevitabile e non è una scelta per mantenere gli stessi margini, ma dei margini molto più bassi di prima». In sostanza nella ristorazione bisogna accontentarsi di guadagnare meno pur aumentando leggermente i prezzi dei prodotti. Purtroppo non tutti sono in grado di proseguire l’attività se questa fase non terminerà presto.

Servizio sul Corriere in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui