Forlì, quando i bambini fanno ciak: al film di animazione una baby-giuria dai 3 ai 9 anni

Per due serate il giardino della scuola elementare Manzoni si è trasformato in un’arena estiva. Il plesso scolastico forlivese, infatti, ha accolto l’11ª edizione del Festival Animare per presentare le migliori produzioni internazionali di cinema indipendente di animazione, giudicate da una giuria di bambini attraverso il voto e analisi dei film.

«Il festival si pone come obiettivo principale di sensibilizzare il giovane pubblico ad una visione più consapevole del linguaggio cinematografico – spiega la maestra Francesca Fantini –. Il tutto cercando di proporre film e le immagini come strumento educativo». Questa volta il Festival Animare, sotto la regia e la guida dell’associazione Sedicicorto, ha scelto una location d’eccezione: il giardino della scuola primaria Manzoni, una scuola che si sta dimostrando ricca di innovazioni e di aperture al territorio, ne sono un esempio proprio le proficue collaborazioni che si stanno instaurando con diverse associazioni locali. Il comitato di Sedicicorto ha selezionato 32 film provenienti da 15 paesi, scegliendo 8 finalisti che sono stati presentati ad una giuria di 42 bambini di età compresa tra i 3 e i 9 anni. Nelle due serate le 8 pellicole finaliste, suddivise in 4 batterie di 2 film alla volta, sono state giudicate dai bambini partecipanti all’iniziativa, i quali hanno composto una baby giuria. Ciascuno componente, oltre ad essere stato omaggiato di un “diploma”, ha espresso il voto sul proprio cortometraggio animato preferito. Dai voti espressi proprio dalla baby-giuria è risultata vincitrice la pellicola “Migrants” che verrà poi proiettata all’interno del prossimo Sedicicorto Film Festival.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui