Forlì. All’Irst di Meldola oltre 3 milioni di euro dal Pnrr per la ricerca

23,8 milioni di euro di finanziamenti statali destinati all’Emilia-Romagna per la ricerca in ambito sanitario: 14,2 provengono da fondi Pnrr – Piano nazionale di ripresa e resilienza per la ricerca sanitaria e oltre 9,6 sono per progetti di ricerca.

Diversi gli ambiti finanziati – dalla geriatria alla ginecologia – ma l’obiettivo è uno: migliorare le prestazioni sanitarie e le cure grazie a progetti messi a punto dai ricercatori emiliano-romagnoli.

“Investire nella ricerca, e farlo con quasi 24 milioni di euro- commenta l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini- ci permette di migliorare la cura e l’assistenza ai pazienti e di avere strumenti importanti per affrontare le nuove sfide che abbiamo davanti, anche grazie alle risorse senza precedenti che il Pnrr destina alla sanità. A questi finanziamenti si aggiungono i contributi ricevuti per la ricerca finalizzata, che ci collocano al primo posto tra le Regioni per numero di progetti finanziati, confermando la forza e l’innovazione delle proposte che vengono da questa regione e l’alto livello di professionalità e preparazione dei nostri ricercatori e delle nostre ricercatrici”.

Otto i progetti finanziati alla Regione Emilia-Romagna quale Destinatario Istituzionale: 7 progetti  per Malattie croniche non trasmissibili, 1 progetto per Malattie rare per circa 6,6 milioni di euro; 8  quelli presentati da quattro Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) regionali che  ottengono più di 7,6 milioni di euro.  

Numerose le discipline interessate. Per la tipologia Malattie croniche non trasmissibili, i progetti  vincitori riguardano gli ambiti della neurologia e psichiatria (3), della geriatria (1), psichiatria (1),  ostetricia e ginecologia (1), nefrologia e urologia (1), oncologia (1), ematologia e immunologia (1) e  trapiantologia (1). Per la tipologia Malattie rare, i progetti vincitori sono mirati allo studio di nuove  strategie nell’ambito della neurologia e psichiatria (2) e oculistica (1). Per la tipologia Proof of  Concept, i progetti vincitori sono nell’ambito dell’oncologia (2) ed ematologia e immunologia (1).  

La distribuzione delle risorse sul territorio  

I ricercatori emiliano-romagnoli che lavoreranno allo sviluppo dei progetti afferiscono alle Aziende  Ospedaliero-Universitarie di Ferrara (2 milioni 993mila euro), Modena (1 milione 990mila euro) e Parma (870mila euro), Azienda Usl di Ferrara (700mila euro) e a quattro Irccs della regione: Istituto  Romagnolo per lo Studio dei Tumori di Meldola (3 milioni di euro), Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna Policlinico di Sant’Orsola (2 milioni 671mila euro), Istituto in tecnologie  avanzate e modelli assistenziali in oncologia di Reggio Emilia (1 milione di euro) e Istituto delle  Scienze neurologiche di Bologna (1 milione di euro).  

Finanziamenti ricerca innovativa: i progetti e gli ambiti finanziati  

Tredici i progetti finanziati alla Regione Emilia-Romagna quale Destinatario Istituzionale: 5 progetti  Giovani ricercatori, 4 progetti ordinari di ricerca finalizzata e 4 borse di studio “Starting Grant” per  oltre 4 milioni di euro; quindici quelli presentati da quattro Istituti di ricovero e cura a carattere  scientifico (Irccs) regionali che ottengono più di 5 milioni di euro.  

Numerose le discipline interessate. Per il settore ‘acquisizione di nuove conoscenze’, i progetti  vincitori riguardano gli ambiti della neurologia e psichiatria (6), oncologia (4), ortopedia (2),  diagnostica (2), ematologia e immunologia (1). Per il settore ‘clinico-assistenziale e organizzativo’, i  progetti vincitori sono mirati allo studio di nuove strategie nell’ambito dell’ortopedia (4), malattie  infettive (2), cardiologia – pneumologia (2), neurologia e psichiatria (2), endocrinologia (1),  gastroenterologia (1), nefrologia – urologia (1).  

I destinatari delle risorse  

I ricercatori emiliano-romagnoli che lavoreranno allo sviluppo dei progetti afferiscono alle Aziende  Ospedaliero-Universitarie di Modena (2 milioni 80mila euro), Ferrara (580mila euro) e Parma (880mila euro), Aziende Usl di Bologna (450mila euro) e della Romagna (260mila euro) e a quattro  Irccs della regione: Istituto ortopedico Rizzoli (2.331.245 euro) e Istituto delle Scienze neurologiche  di Bologna (2.174.570 euro), Irccs Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Policlinico di Sant’Orsola (443mila e 300 euro) e Istituto Romagnolo per lo Studio dei Tumori di Meldola  (450mila euro).

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui