Forlì, addio a Gabrio Furani, l’architetto dei grandi progetti

Città in lutto per la scomparsa di Gabrio Furani, architetto e dirigente comunale dal 1995 al 2005 ma soprattutto progettista di grandi opere di edilizia pubblica come il restauro dei musei San Domenico, il restauro della Rocca delle Caminate, la nuova sede del centro nazionale dell’Enav, il Campus universitario di Forlì, la ristrutturazione del teatro Fabbri e tantissime altre opere. “A nome della Giunta, del Consiglio e dell’Amministrazione comunale tutta esprimo i sentimenti di cordoglio e di partecipazione per la scomparsa dell’architetto Gabrio Furani, professionista di rango, fine intellettuale, uomo di grande umanità”. Queste le parole con le quali il Sindaco Gian Luca Zattini, appresa la dolorosa notizia, ha voluto condividere il lutto dei familiari, dei colleghi, degli amici. Durante la sua carriera, l’architetto Furani è stato un punto di riferimento per il Comune e per il territorio, in qualità di dipendente, di dirigente e di autorevole esperto. Alla solida preparazione teorica e alla grande pratica maturata sul campo, Gabrio Furani ha saputo sempre affiancare una straordinaria visione progettuale grazie alla quale hanno preso forma alcune delle principali opere della Forlì di oggi e del futuro. Nella prima metà degli anni Novanta gli venne assegnata la dirigenza dell’Unità Progetti Speciali, poi divenuta Unità Grandi Opere. Insieme a una squadra di tecnici e di collaboratori molto affiatata e determinata, e che ha anche saputo dare continuità al suo percorso, quella esperienza ha determinato importanti risultati a cominciare dal restauro e dalla progettazione funzionale dei Musei San Domenico. “In questo triste momento giunga alla moglie, ai familiari e a tutti coloro che con lui hanno condiviso esperienze di lavoro, di impegno civico, di elaborazione di progetti la testimonianza di vicinanza e affetto da parte della Città di Forlì”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui