Focus Junior premia scuola di Forlimpopoli

Trovare il nome per un un nuovo nato è sempre un’impresa: ma cosa succede quando il bimbo ha… 600.000 anni? La curiosa vicenda che vede protagonista la 4 A della scuola primaria “E. De Amicis” dell’Istituto Comprensivo “E. Rosetti” di Forlimpopoli, ha origine quando a Isernia, in Molise, nell’enorme accampamento preistorico del sito La Pineta, viene ritrovato il dente di un bambino, il più antico reperto umano italiano.

Partendo dal dente, gli specialisti hanno ricostruito l’immagine di un ragazzino dai grandi occhi nocciola, a cui i responsabili del Museo della Preistoria di Isernia hanno deciso di dare un nome. Nello scorso gennaio quindi, con l’aiuto della rivista “Focus Junior”, si sono rivolti a questo fine ai bambini delle scuole primarie d’Italia. Tante le proposte dalle 300 classi coinvolte: alla fine ha prevalso “Heidel”, un omaggio alla specie estinta “homo heidelbergensis”, vissuta tra 600.000 mila e 100.000 mila anni fa, a cui apparteneva il “bambino di Isernia”.

Particolare curioso, sono state ben tre le classi che hanno suggerito lo stesso nome: quella di Forlimpopoli, la quarta del Gruppo Acqua Cristallina della Scuola Primaria di Inverigo, e la 3° B della Scuola Primaria “Salvo D’Acquisto” di Cesena.

«Quando il museo di Isernia ci ha contattato – commenta Sarah Pozzoli, direttrice di “Focus Junior”- siamo rimasti subito affascinati. Abbiamo quindi deciso di raccontare del ritrovamento con il supporto scientifico del professor Carlo Peretto e con la penna dello scrittore per ragazzi Davide Morosinotto. Poi, l’idea di coinvolgere i lettori per trovare un nome per il bambino, e alla fine la scelta di Heidel, che richiama l’origine della specie umana e allo stesso tempo è simpatico e orecchiabile».

Il “bambino di Isernia” non resterà solo: i suoi amici del terzo Millennio a settembre visiteranno infatti gli scavi, vivendo un vero e proprio viaggio nella Preistoria grazie alla ricostruzione realizzata da Elisabeth Dayne, e ad alcuni esemplari della fauna preistorica rinvenuti durante gli scavi nel sito.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui