RIMINI. Sit in e flash mob per difendere il fiume Marecchia, organizzati sabato pomeriggio dal Wwf Rimini con l’adesione di Cetacea Riccione e Legambiente Valmarecchia, all’imbocco del Ponte Verucchio.
Perché? «Per riportare l’attenzione a una corretta gestione idraulica e ambientale del fiume e per opporsi alla rovina degli ultimi torrenti, che ancora possono liberamente scorrere nei propri alvei naturali. Per ottenere il rispetto della direttiva Quadro Acque, anche quando si tratta di energia idroelettrica. Basta incentivi all’idroelettrico nei corsi d’acqua naturali».

Nel mirino è finito il decreto Rinnovabili Fer 1 che «non ha eliminato gli incentivi agli impianti idroelettrici nei corsi d’acqua naturali, come previsto nella bozza originale, ma ha fissato dei criteri da rispettare previsti dalle direttive europee, che ora si vuole aggirare nella loro applicazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *