Fipe Confcommercio: “Stop al controllo del Green Pass da parte degli esercenti”

Stop ai controlli del green pass a carico degli esercenti. Questa è la proposta lanciata al governo da Fipe Confcommercio, che tutela ristoranti bar ed esercizi pubblici. Ogni giorno i gestori dei locali sono costretti a controllare almeno 20 milioni di green pass. Un’attività a tappeto che ha evidenti implicazioni organizzative e che oggi, con 51 milioni di italiani vaccinati o guariti, deve essere ripensata”.
Per  Confcommercio e per la sua affiliata Fipe, sindacato storico di categoria, bisogna prendere atto che ad oggi il green pass ha raggiunto il massimo della sua efficacia e che sarebbe meglio pianificare al suo superamento, come sta avvenendo in molti Paesi europei.
“Siamo ben lontani – si legge in una nota – dal non voler contribuire alla soluzione dell’emergenza, anzi assumendoci le nostre responsabilità anche oltre le nostre forze, siamo però anche convinti che il nostro settore abbia già dato davvero molto. In uno Stato democratico, è infatti fondamentale salvaguardare l’equilibrio tra utilità sociale delle misure di legge e le complicazioni che creano ai singoli cittadini e agli imprenditori. È logico e costruttivo adattare le regole al miglioramento della situazione e, lanciare segnali forti per far progredire il Paese oltre un perenne stato di eccezione, verso una dimensione di normalità. E, nella normalità, gli imprenditori non fanno i controllori. 
Sul green pass, visto il miglioramento progressivo del quadro sanitario, bar e ristoranti chiedono una semplificazione, rimuovendo l’onere del controllo dei certificati. I pubblici esercizi hanno sopportato negli ultimi due anni numerosissime e altalenanti misure restrittive dell’attività e hanno responsabilmente sostenuto l’introduzione del green pass presso le proprie imprese, favorendo in tal senso la promozione della campagna vaccinale. Questa attività di controllo si è tradotta per le attività del settore in una serie corposa di oneri aggiuntivi in un quadro di crescente complessità: oltre 65 provvedimenti nazionali sono stati adottati da giugno ad oggi in merito alla regolamentazione dei flussi degli stranieri, alla durata dei vaccini, alla gestione dei guariti, alla validità delle dosi booster e varie eccezioni. E sono stati assolti con grande senso di responsabilità. Ma oggi questa complessità non ha più ragione di esistere”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui