Filetto, Comune di Ravenna battuto al Tar dagli autocostruttori

Torna dal passato l’intricata vicenda amministrativa della cooperativa degli autocostruttori di Filetto. Il Tar di Bologna, fa sapere il presidente della coop Mani Unite, Stefano Bentini, ha riconosciuto il diritto della cooperativa ad ottenere il rimborso dal Comune, nella misura del 75%, del valore della mano d’opera prestata nell’autocostruzione del grezzo dei 14 appartamenti nei cantieri di Filetto. A questo si aggiunge l’annullamento delle penali comminate alla cooperativa a seguito della decadenza della concessione del diritto di superficie, respingendo la domanda del Comune di risarcimento danni. Dall’Amministrazione comunale per ora nessuna dichiarazione se non l’impegno a valutare dal punto di vista giuridico le possibili azioni. Le vie percorribili sono la riapertura di una trattativa con gli autocostruttori rimasti o procedere con un ricorso.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui