Torna la Festa de Bagòin alla Torre a San Mauro Pascoli

SAN MAURO PASCOLI. Se è vero che del maiale non si butta via niente non resta che andare alla Festa de Bagòin alla Torre, da oggi a domenica. Giunta alla 15ª edizione, a organizzarla è l’Associazione Torre forte del suo centinaio di volontari che da settimane lavorano per tenere viva l’antica tradizione di Sant’Antonio Abate protettore degli animali. Si inizia con 50 quintali di carne macellata che si trasforma in costolette, pancetta, fegatelli, salsicce e tanto altro, cotta al momento alla brace.

A fianco della parte gastronomica da sempre ci sono gli eventi che allietano la manifestazione che si apre venerdì alle 20 con la sesta edizione della rassegna dei Pasquaroli ad Sant’Antoni dell’associazione Romagna col Cuore. Sabato alle 17 nel piano nobile presentazione dell’antologia di Miro Gori, “Artai”, insieme allo studioso Ennio Grassi. Alle 18 si apronogli stand, alle 21 va in scena “La vegia ad Sant’Antòni” la veglia della tradizione con il gruppo I Pataca.

Domenica alle 9 c’è la Messa nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo, seguita dalla benedizione degli animali. E dopo l’apertura dello stand gastronomico a mezzogiorno, alle 15 canti e balli con “I Pasquarul d’la Piopa”. Nel corso della tre giorni è presente una mostra fotografica sulla storia del maiale a cura di Fiorenzo Montalti.

«È da oltre un mese che lavoriamo a questo evento che vede accorrere appassionati da tutta la Romagna – spiega Pierangelo Filippi, presidente dell’Associazione Torre – Cresciuto nel corso degli anni sono migliaia le persone che vi prendono parte, unite dalla voglia di far rivivere questa tradizione le cui radici affondano nella notte dei tempi».
Filippo Fabbri

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui