“Sì fest”, indagine fotografica sull’identità

SAVIGNANO. Un festival come un identikit, la ricostruzione di un’identità con l’aiuto delle immagini. Così si presenta la prossima edizione dei Si fest in programma dall’11 al 13 settembre sotto la direzione artistica di Denis Curti.

Nel cuore di questa edizione c’è Ide (reconstruction of identities), un progetto che unisce in partnership quattro prestigiose realtà europee (oltre a Savignano, Saragozza, Amsterdam e Copenhagen) e che ha come mission la ricostruzione dell’identità di un territorio e di una comunità attraverso il linguaggio della fotografia contemporanea.

Da indagine a investigazione

Identikit: il lavoro d’indagine è tutt’altro che accidentale nella fotografia. A volte però la ricerca si fa così minuziosa da assumere i contorni dell’investigazione poliziesca. E il Si fest 2020 disegnerà un identikit anche di questa fotografia dalle tinte decise, a metà strada tra noir metropolitano e giallo della camera chiusa. L’intervista a Denis Curti sul Corriere Romagna in edicola oggi, 4 marzo.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui