Fellini, a Rimini una giornata di studi dedicata allo Sceicco bianco

In occasione dei 70 anni dall’uscita di Lo sceicco bianco, FM – Fellini Museum Rimini e Dipartimento delle Arti – Università di Bologna in collaborazione con Cineteca comunale di Rimini, La Settima Arte – Cinema e Industria, CFC (Culture, Fashion, Communication International Research Centre) organizzano a Rimini una giornata di studi che si terrà venerdì 8 aprile 2022. Al Teatro degli Atti.

Lunedì 4 aprile alle ore 21 al Cinema Fulgor anteprima con la proiezione del film nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata. L’evento è a ingresso gratuito.

Lo sceicco bianco, oltre ad essere notoriamente il lungometraggio di esordio di Federico Fellini da regista unico, rappresenta un testo ancora oggi analizzabile e percorribile in molte direzioni. Il rapporto con l’editoria popolare rappresentata nel film e lo star system del dopoguerra per come è esemplificato sono solo due aspetti di un’opera densa di riferimenti culturali e sociali, mediali e simbolici. 

Per questo motivo i curatori hanno considerano più che attuale lo studio retrospettivo del capolavoro di Fellini pur nel contesto di una letteratura critica ormai ricchissima.

Venerdì 8 aprile, a partire dalle ore 10.00, al Teatro degli Atti di Rimini, si terrà il convegno “I 70 anni de Lo Sceicco bianco”, articolato in due sessioni moderate da Roy Menarini (Università di Bologna) e Nicola Bassano (Cineteca di Rimini).

Saranno 14 i ricercatori e gli studiosi, provenienti dalle maggiori Università italiane, che si alterneranno sul palco del Teatro degli Atti nel corso delle due sessioni, precedute da una lezione di Gianfranco Angelucci dal titolo L’invenzione della realtà: Francesco D’Asero (Università Roma Tre),   Fabio Melelli (Università per Stranieri di Perugia), Pietro Ammaturo (Università della Basilicata), Emiliano Morreale (Università La Sapienza di Roma), Sara Martin (Università di Parma) e Dorothea Burato (Università di Parma), Gina Annunziata (Accademia di Belle Arti di Napoli), Mirco Melanco (Università di Padova), Andrea Minuz (Università La Sapienza di Roma) e Francesca Cantore (Università La Sapienza di Roma), Elena Gipponi (Università IULM di Milano), Stefania Carpiceci (Università per Stranieri di Siena), Caterina Martino (ricercatrice indipendente), Roy Menarini (Università di Bologna)

LA MOSTRA

Il 9 aprile, invece, inaugurerà al Palazzo del Fulgor la mostra fotografica “Fellini tra sogno e realtà: il contributo fotografico di Rodrigo Pais”, a cura di Glenda Furini e Guido Gambetta

La serie d’immagini che compone la mostra testimonia alcuni passaggi importanti nella carriera artistica di Federico Fellini: Rodrigo Pais lo ritrae in strada, in occasioni pubbliche, nelle interviste, anteprime e premiazioni. Una sezione della mostra è dedicata agli eventi che hanno ispirato o che sono stati ispirati dal film La dolce vita.

Il fotoreporter romano Rodrigo Pais entra nel mondo della fotografia a metà degli anni ’50, collabora principalmente con i quotidiani Paese, Paese Sera, l’Unità e con il settimanale Vie Nuove ma anche con altri quotidiani e riviste d’epoca come il Corriere della Sera, il Corriere d’informazione, La Stampa, Il Giornale d’Italia, Il Mondo. Assieme al collega fotografo Giorgio Sartarelli fonda l’agenzia Pais & Sartarelli attiva fino al 1972. L’attività di fotoreporter dura quasi 50 anni e si conclude nel 1998. L’archivio fotografico e professionale documenta l’attività fotogiornalistica dal 1955 al 1998 ed è composto da quasi 380 mila fototipi. Fa parte delle collezioni della Biblioteca Universitaria di Bologna, la biblioteca centrale dell’Ateneo sita nel cuore pulsante della cittadella universitaria, all’interno dell’antico Palazzo Poggi.

I FESTIVAL

Due i festival che si inseriscono nel ricco calendario di eventi.

Mercoledì 23 marzo e mercoledì 20 aprile in Cineteca le due tappe de “Il giro del mondo in 80 corti” evento organizzato da Amarcort Film Festival al termine del quale i migliori cortometraggi votati dal pubblico si sfideranno nella finalissima di dicembre

Da mercoledì 27 aprile a domenica 1 maggio, invece, prenderà il via la quarta edizione del festival “La Settima Arte – Cinema e Industria”. Un programma di eventi gratuiti in vari luoghi della città, con anteprime, proiezioni, masterclass, momenti formativi e incontri, fino alla cerimonia conclusiva, al Teatro Galli, di consegna del premio “Cinema e Industria” a cura di Confindustria Romagna, Cinema Fulgor, Università degli Studi di Bologna – Dipartimento delle Arti, in collaborazione con il Comune di RiminI

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui