Faenza, vendevano carne e pesce al bar: scatta una maxi-multa

Gli agenti del Nucleo di polizia commerciale del comando di via Baliatico, assieme al personale dell’Igiene Pubblica dell’Ausl, nei giorni scorsi ha effettuato un controllo in un bar di nuova apertura tra viale Baccarini e via Oriani a Faenza. Nel corso del controllo è emerso che il pubblico esercizio fungeva anche da esercizio di vicinato nel quale i gestori, originari della Nigeria, proponevano alla vendita alimenti al minuto, senza alcun permesso. I vigili della polizia locale con gli ispettori dell’Azienda sanitaria hanno sequestrato diversi chili di carne e pesce, conservati in pessime condizioni e privi di alcuna tracciabilità, potenzialmente pericolosi per la salute degli acquirenti. Gli agenti hanno sequestrato anche diversi spazi del locale che erano adibiti alla vendita di alimentari in precarie condizioni igieniche e adibiti a dormitorio abusivo. I gestori sono stati sanzionati con ammende per migliaia di euro.

Il bar in pessime condizioni igieniche

Dai controlli è invece emerso che le normative anti-Covid venivano rispettate; il locale potrà continuare a lavorare però unicamente come bar mentre tutte le altre attività abusive sono state sospese. Nel caso di inottemperanza delle direttive l’attività verrà chiusa.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui