Faenza, vasca Lotras in sicurezza

A pochi giorni dalle abbondanti precipitazioni che hanno nuovamente riempito la vasca di laminazione delle acque Lotras, l’assessore all’ambiente Luca Ortolani torna sull’accaduto per chiarirne le dinamiche e definire le prossime azioni da intraprendere per mettere in sicurezza l’area.
La vasca, che conteneva acque inquinate, utilizzate nell’agosto del 2019 per spegnere l’incendio nello stabilimento della Lotras, era stata svuotata di recente nell’ambito delle operazioni di bonifica messe in atto dal Comune.

Un certo timore lo aveva suscitato lo sversamento di una parte del liquido nel vicino piazzale di Tampieri: «Tampieri non è stata allagata da acqua inquinata».
«Ora – spiega Ortolani – l’acqua andrà pompata un’altra volta. Ci stiamo muovendo con estrema urgenza e l’operazione sarà avviata tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima. Nel frattempo la paratia danneggiata è stata ripristinata e la vasca è di nuovo in sicurezza». In due anni sul fondo della vasca si è accumulato uno strato di melma, olii e idrocarburi, pertanto l’acqua verrà trattata in ogni caso come rifiuto. Dopo lo svuotamento della vasca e lo sfalcio della vegetazione, il passo successivo consisterà nello scortico del terreno: «Per prima cosa verranno rimossi i primi 20/30 centimetri di terreno – aggiunge Ortolani – poi si scenderà fino a che il terreno non risulterà pulito. Dalle analisi capiremo se dovrà essere trattato come rifiuto perché contaminato, mentre le parti di terreno non inquinate potranno essere utilizzate per ripristinare il fondo della vasca».
L’episodio della scorsa settimana ha contribuito ad accendere i riflettori sugli strascichi attuali dell’incendio di due anni fa, mettendo l’accento sull’importanza della manutenzione e del monitoraggio costante: «In futuro – conclude Ortolani – andrà fatta un’opera di sistemazione generale con nuove paratie e un impianto di carico e scarico dell’acqua a monte e a valle».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui