Faenza, tante richieste per lo Shopping park

«Nei primi mesi del 2022 saranno probabilmente finalizzate le opere di urbanizzazione intorno al comparto e dopo un nuovo collaudo del ponte sull’autostrada sarà riaperto anche lo sbocco in via Pana di via Bisaura. All’interno si inizierà con una bonifica, una pulizia e una risistemazione del verde, necessari dopo l’abbandono».
A parlare è il vicesindaco Andrea Fabbri in merito all’avanzamento dei lavori per dare vita al nascente Shopping park sulle ceneri dell’ex outlet Le Perle. Non filtra molto altro, solo che: «Dopo gli ultimi incontri – continua Fabbri – sappiamo che la società Sonae Sierra si sta muovendo per assegnate gli spazi. A chi però non lo sappiamo ancora».

Il progetto, riveduto e corretto rispetto all’outlet Le perle, prevede ampi spazi aperti e luce naturale; 21mila metri quadri di superficie commerciale utile, affittabile; 40 unità (marchi) tra negozi e ristoranti; dieci spazi food e beverage; momenti d’intrattenimento e spettacolo durante tutta la giornata: un target per comitive di amici e famiglie; sapori per tutti i palati; spazi per bimbi e cani; per il benessere della persona; per gli appassionati di motori; per la casa (arredi e accessori).

Per gli appassionati di motori prendono consistenza le voci dell’arrivo di grandi firme dell’automobilismo e del motociclismo sportivo presenti sul territorio: Alpha Tauri, Gresini Racing, Ducati, Ferrari, Maserati, Lamborghini. Così come imprese e cooperative agro-vitivinicole di spessore internazionale, e poi il mondo del fitness e wellness (si pensa alla Technogym).

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui