Faenza, si inaugura Argillà

Si apre oggi il sipario su Argillà, la più importante mostra mercato della ceramica artistica internazionale in Italia, gemellata con Aubagne in Francia dove la manifestazione è ospitata negli anni dispari.
Il taglio del nastro è alle 16.30, davanti al Mic, ma già dalle 15 sarà a pieno regime la mostra mercato nei gazebo allestiti in buona parte del centro storico. Circa 200 gli espositori in questo lungo weekend volto ad esplorare tutte le sfaccettature della ceramica, curiosando tra gli stand, facendo acquisti o partecipando ai vari eventi del festival “Argillà Off”: mostre, concerti, presentazioni, laboratori, visite guidate.

Saranno ben sette le mostre al via oggi, alle 12, al ridotto e al Foyer del Teatro Masini. L’Irlanda sarà protagonista di “Land/ Marks”, curata da Elaine Riordan e Tina Byrne, in collaborazione con Ceramic Ireland e Design & Crafts Council Ireland.
Al Ridotto e Foyer saranno inoltre “Bouce Back” esposizione tutta al femminile; l’installazione di Paolo Porelli “Madonne Protestanti; “Terzo atto” progetto di European ceramic work center nei Paesi Bassi; “Sono tazza di te” a cura dell’associazione D come Design e “Instangiada”; “Primedicopertina” con le opere patinate della rivista “La ceramica moderna e antica” dal 2018 al 2022.
Il busto di Muky
Al Ridotto l’artista argentina Vilma Villaverde donerà a Faenza un busto raffigurante Muky che sarà collocato il 9 ottobre (anniversario dell’insediamento della giunta di Isola alla guida della città) durante una cerimonia nel palazzo di piazza 2 Giugno, donato al Comune da Muky stessa.
Nel weekend il Museo Carlo Zauli ospiterà l’installazione “Anteprima Festival delle Argille Azzurre”, la videoproiezione di “20MCZ” e dalle 15.30 alle 18.30 “Play with Clay”, un workshop dedicato ai piccoli artisti a cura di Latte Project Space. Sempre in tale contesto, alle ore 18 presentazione dell’edizione limitata del “Vaso Stele” realizzata da Museo Zauli e Manifatture Sottosasso.
Mosaico di ceramiche
Sempre da oggi e fino al 4 settembre, il circolo Arci Prometeo ospiterà l’esposizione, intitolata “Out of the box” che vedrà domani (ore 16) la presenza delle artiste Supryia Menon Meneghetti, Deepika Quintas e Ange Peter, in una narrazione sulle ceramiche indiane.
Si segnala anche la mostra inaugurata in anteprima ieri sera alla Galleria della Molinella, legata al progetto di arte contemporanea “Italia” a cura di Irene Biolchini. Si tratta di un’unica opera monumentale, visibile fino al 18 settembre, realizzata da Alberto Gianfreda e sostenuta da Aicc (Associazione italiana città della ceramica). Il manufatto è composto da ceramiche provenienti da 21 differenti città e 11 regioni, che sono state rotte in frammenti, poi riassemblati a comporre il grande mosaico “Italia”. La penisola viene così rappresentata in un’espressione artistica omogenea: «Un cerchio dalle dimensioni imponenti in un continuo movimento cromatico», ha spiegato la curatrice Irene Biolchini. Domani tornerà infine il Mondial Tornianti,

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui