Faenza, premi, contest e omaggi alla 25ma edizione del Mei

Un quarto di secolo di storia. È questo il traguardo che il Meeting delle etichette indipendenti di Faenza taglia quest’anno, con la 25ª edizione, che si svolgerà dal 30 settembre al 2 ottobre 2022. La rassegna creata e tuttora diretta da Giordano Sangiorgi è diventata ormai uno degli eventi più importanti della musica italiana, non solo indipendente, da cui sono passati negli anni praticamente tutti gli artisti che ritroviamo oggi sul mercato. Anche nell’edizione 2022 sono centinaia gli incontri, concerti, convegni, mostre ed eventi di ogni natura legati alla musica.

Diamo un’occhiata ad alcuni di questi: innanzitutto l’edizione di quest’anno è dedicata a Ivan Graziani, scomparso proprio l’anno della prima edizione, che sarà celebrato insieme al figlio Filippo con una serie di iniziative. Parlando di figli d’arte, la Targa Mei miglior esordio dell’anno andrà a Frida Bollani Magoni. Il Mei si svolge a Faenza, ma c’è un’anteprima a Bologna, alla Tettoria Nervi in piazza Lucio Dalla, per il contest Onda rosa, in collaborazione con Radio Rai Live: il 20 settembre presentazione delle finaliste, che si esibiranno il 29. La vincitrice sarà poi a Faenza nei giorni seguenti. Sempre in ricordo di Dalla, il Premio italiano videoclip indipendente va a “Lucio chi sei tu? Il folletto geniale”, docufilm del giornalista Leonardo Metalli. Per la prima volta quest’anno il Mei si unirà a Fce, il Festival della comunità per una giornata di musica educante: domenica 2 ottobre, nella giornata di chiusura del Mei e di inizio del Fce, si terrà “Una musica può fare”, progetto di valorizzazione dell’esperienza educativa, formativa e sociale del fare musica insieme, condotto dal cantautore e conduttore Lorenzo Baglioni. Cuore del Meeting, da sempre, sono i premi, assegnati a decine per varie categorie. Tra i tanti di quest’anno citiamo: Pimi al miglior artista indipendente dell’anno ai C’mon Tigre; Exitwell al miglior artista dell’anno a Ditonellapiaga; Premio speciale Mei 25 al comico Valerio Lundini, Premio alla carriera a Luca Madonia, cantautore catanese storico leader dei Denovo negli anni Ottanta, che presenterà il suo progetto su Franco Battiato; Premio hip hop a Doro Gjat; Premio Mei 25 per il miglior libro indipendente a “Gigacapitalisti” di Riccardo Staglianò. Non hanno ancora un vincitore annunciato il Premio dei premi per la musica d’autore italiana e Targa Mei musicletter per il giornalismo. Mentre è da poco stato reso noto che a Gianluca Grignani darà consegnata la Targa Mei speciale per i 25 anni del suo album “La fabbrica di plastica”.

Anche quest’anno tanti gli omaggi ad artisti scomparsi, in particolare in questa edizione Pierpaolo Pasolini e Luigi Tenco, oltre ai già citati Lucio Dalla, Franco Battiato e Ivan Graziani. Non mancherà la storica mostra mercato “Fiera del disco”, uno degli eventi più affollati fin dall’inizio della storia del Meeting, che comprende anche parecchie presentazioni di libri. Ci saranno altre mostre, tra cui quella di strumenti musicali, l’esposizione di libri, figurine e fumetti, e “Crepax a 33 giri”, dedicata alle copertine di dischi in vinile disegnate da Crepax, uno dei più importanti fumettisti e illustratori italiani del secolo scorso.

Per quanto riguarda la musica dal vivo, tantissima e in diversi palchi, citiamo il ritorno del Palco giovani in piazza del Duomo; torna anche il contest Mei Superstage, per artisti e band under 30 residenti in Emilia-Romagna. Tantissimi convegni sono in programma: tra gli altri temi, dischi in vinile, lavoro nel mondo della musica e musica indipendente nei media, oltre al più importante, come tutti gli anni: “Stati generali della musica indipendente ed emergente in Italia”.

Info: www.meiweb.it

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui