Un regolamento di conti per motivi probabilmente futili: pare questa l’origine, ma sono tuttora in corso indagini da parte dei carabinieri, dell’aggressione avvenuta ieri, poco dopo le ore 13, in pieno centro storico, nei pressi del bar Infantini, in corso Mazzini, davanti a numerose persone. La vicenda si sviluppa, stando almeno al racconto fatto da alcuni testimoni, dopo un diverbio che aveva coinvolto due studenti coetanei. Uno dei due, rientrato a casa piuttosto “malconcio” riferiva dell’accaduto al padre che, inalberatosi, si metteva immediatamente in auto con il figlio per rintracciare l’autore della pestata.
Lo intercettavano alla fine in corso Baccarini. Ne scaturiva un inseguimento in auto fino all’incrocio di corso Mazzini con via Cavour. Qui i due famigliari scendevano dal mezzo, bloccavano il fuggiasco e cominciavano a percuoterlo, pare utilizzando anche un bastone. Qualche passante ha cercato di dividerli, mentre altri si sono messi ad urlare intimando di fermarsi.
Nel giro di qualche minuto sono giunti sul posto carabinieri, agenti della polizia di stato e della polizia locale.
In caserma. I due aggressori sono stati individuati, fermati e condotti in caserma per essere interrogati, mentre l’aggredito è stato soccorso da un’ambulanza che lo ha condotto al pronto soccorso. Le sue condizioni non sarebbero gravi.

Argomenti:

aggressione

faenza

studenti

vendetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *