Faenza, parco Bucci: nuovi animali e tutela delle piante

Dall’inizio dell’anno è entrata in vigore la nuova convenzione per la gestione dei parchi Bucci e della Rocca, rinnovata per il prossimo triennio all’associazione di promozione sociale “Piccola Oasi Lilly e i Vagabondi”. L’assegnazione tramite bando ha tenuto conto del progetto presentato e dei suoi contenuti in merito a proposte, mansioni e attività da svolgere. Tra le novità, rispetto al precedente mandato, vi è l’estensione dei siti da gestire, tra i quali rientrano ora anche i laghetti artificiali di viale Baccarini (i laghetti dei fiori di loto) e di via Lesi: «Qui affiancheremo il Comune – afferma il veterinario dei parchi Fabio Dall’Osso – con compiti di gestione faunistica».
Tra i progetti della nuova convenzione vi è l’implementazione della presenza di animali, principalmente al Bucci, con l’introduzione di nuovi esemplari: già sabato infatti saranno liberati esemplari di faraone mitrate e tacchini selvatici americani. Vi sono inoltre collaborazioni instaurate con altre associazioni, quali le Gev e gli Amici delle cicogne.

«Insieme alla prima – spiega dall’Osso – entreremo nel loro progetto di tutela delle orchidee selvatiche per quanto riguarda la presenza di questi fiori nei nostri parchi; con la seconda saranno organizzate visite congiunte coinvolgenti i siti di entrambi».
Altre idee da sviluppare nel triennio sono: la dotazione della barca a remi per i sopralluoghi e la pulizia nei laghi di un motore elettrico ecocompatibile; una valorizzazione di tipo botanico tramite applicazione di targhe identificative dinanzi alle piante di maggior pregio in modo che chiunque possa apprezzare la variegata presenza di esemplari vegetativi rari e spettacolari; un’iniziativa di cittadinanza attiva, ovvero un concorso aperto a chiunque interessato a descrivere il parco che vorrebbe.

«In particolare – chiosa dall’Osso – la popolazione sarà chiamata ad avanzare loro proposte, ricevendone risposta, tra queste valuteremo quali realizzare coinvolgendo gli autori».

In merito ai nuovi esemplari da introdurre, il primo appuntamento è dunque per domani alle 15,30 (ritrovo all’ingresso di piazzale Pancrazi) , quando la cittadinanza sarà invitata ad assistere alla liberazione di sei faraone mitrate, originarie dell’Africa, dalle quali derivano le nostre faraone da cortile, e tre tacchini selvatici americani, un maschio e due femmine, dall’aspetto imponente e dal carattere irruente. L’obiettivo è quello di originare piccoli harem e favorire così la riproduzione. Seguirà una visita guidata.
A Dall’Osso piace infine ricordare due importanti risultati raggiunti durante il primo triennio di gestione: «La derattizzazione dell’area, la liberazione dai colombi e la nascita alla fine del 2021 di un pulcino di cigno nero, episodio che non avveniva da tempo».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui