Faenza, Palio: il rione Verde si prepara

Cinquanta giorni al Palio: il 7 maggio inizia il conto alla rovescia e l’occasione – che coincide con la cerimonia della Donazione dei ceri, festa della patrona Madonna delle Grazie – è stata scelta dal rione Verde per una serie di eventi tra storia, gastronomia e bellezza delle Dame. La Donazione dei ceri si concluderà con la prima esposizione pubblica del drappo del Palio, ma per Porta Montanara questa sarà solo un’anteprima. A seguire vi saranno infatti intensi momenti rievocativi nell’ambito delle “Manifestazioni storiche della regione Emilia-Romagna”.
Alle 19.30 il Salone delle Bandiere di Palazzo Manfredi ospiterà la presentazione del progetto “Animali fantastici” curato dalla Sala costumi del rione, risultato di un lungo e accurato lavoro di ricerca per l’arricchimento del corteo della Bigorda d’Oro in programma sabato 11 giugno.

“Animali fantastici” nasce da un’idea di Luciano Dal Borgo in collaborazione con il costumista Gianluca Senzani e Andrea Vitali, noto medievalista, già conosciuto quale regista delle famose Feste medioevali di Brisighella negli anni ’90, il quale ha tratto ispirazione da un dipinto anonimo del XV secolo intitolato “Bambini che giocano al Palio”.
Qui è raffigurata la figura del “pazzo” personaggio che gioca con fanciulli su un cavalluccio di cartapesta, dotati di una lancia con in cima un frullino.
Ebbene al posto del cavallo vi saranno “animali fantastici” quali il delfino, il drago, la pantera e il leone che andranno a costituire il gruppo scenico da esibire in occasione della sfilata, insieme ad un carro allegorico, sul quale troverà spazio un fantoccio stilizzato del Niballo affrontato dai bambini a cavallo delle fiere. Al “quadro coreografico” ha contribuito Mem studio d’arte.

Al termine della presentazione il carro con i bambini apriranno un corteo fino alla sede del rione Verde in via Cavour, dove alle 20.30 nell’“Hostaria del Maghinardo” si svolgerà una “Cena medioevale” con piatti di antica tradizione e atmosfere tipiche del periodo storico.
Tra i convenuti ci sarà una delegazione di 44 ospiti senesi, a sancire un connubio inedito tra le due città di palio.
«E’ la prima volta – ha commentato Luciano Dal Borgo – che senesi si muovono per venire a Faenza ad assistere a una manifestazione dei nostri rioni: il fatto che abbiano scelto il Verde ci inorgoglisce».

La cena sarà animata dalla “Compagnia delle feste” con spettacolari combattimenti, esibizioni di maghi, giullari e saltimbanchi.
Dulcis in fundo alla cena saranno svelate le “soavi creature” delle Dame della Bigorda e del Niballo, oltre alla Castellana (Dama della Rocca), tutte selezionate da un’apposita commissione. La serata contribuirà a creare un approccio diverso al Palio, con eventi in tema in un periodo più ampio, a caratterizzare la città e a farla entrare nel clima giusto in attesa delle sfide.
Per quanto riguarda la “Cena medioevale” occorre prenotarsi entro giovedì al “GreenTA Bar” del rione Verde, tramite i numeri 351 7865635 e 0546 681281, o via email all’indirizzo info@rioneverde.it.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui