Faenza, nasce grande polo della nocicoltura

Con l’ingresso fra i soci di Agrintesa di Agro Noce, la cooperativa di Faenza supera i 350 ettari di superficie destinata a noci di alta qualità, accelerando il processo di investimento e crescita sulla specie già in corso da qualche anno. «Siamo convinti che ci siano le condizioni pedo-climatiche ideali per sviluppare la nocicoltura – commenta il direttore generale della cooperativa faentina, Cristian Moretti – ottenendo ritorni economici adeguati per i produttori che scelgono di diversificare le proprie produzioni su questa specie. Il mercato globale delle noci raddoppiato nell’ultimo decennio e l’Italia è fra i primi importatori a livello mondiale. L’analisi di questo scenario ci ha condotto ad avviare già da qualche anno un progetto di nocicoltura. Oggi cresciamo ulteriormente e possiamo definirci player di riferimento per la produzione italiana di noci di qualità».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui