Faenza, minacce a Malpezzi, processo chiuso con le scuse

Rom, case popolari e le politiche assistenziali del Comune di Faenza. Gli ingredienti per una bomba a orologeria c’erano tutti. A farli deflagrare in un mix di minacce e diffamazione ai danni dell’ex sindaco Giovanni Malpezzi, all’epoca ancora alla guida dell’amministrazione manfreda, era stato un post su Facebook che aveva scatenato i commenti degli utenti. Tre di questi, due uomini e una donna di 45, 63 e 61 anni residenti tra Faenza e Marradi, si erano fatti prendere la mano, al punto da spingere il primo cittadino a sporgere denuncia. Per due di loro, le grane giudiziarie si sono già chiuse con le scuse, che hanno convinto l’ex sindaco a ritirare la querela. Anche il terzo se la caverà probabilmente allo stesso modo, dopo l’udienza di lunedì davanti al giudice monocratico.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui