Faenza, lavori di riqualificazione di Palazzo Manfredi

Dopo l’estate partiranno i lavori per la sistemazione di alcune porzioni della residenza municipale di piazza del Popolo: gli interventi riguarderanno in particolare il rifacimento del coperto dell’ex ufficio tributi e il risanamento conservativo di solaio e sottotetto del Salone delle Bandiere.
Nel primo caso l’importo dei lavori è di circa 280mila euro, che saranno finanziati tramite mutuo: «Gli uffici – spiega l’assessora ai lavori pubblici Milena Barzaglia – erano stati spostati proprio a causa della presenza di infiltrazioni che non consentivano alle persone di lavorare».
Il Salone delle Bandiere rappresenta invece la fetta più grossa degli interventi previsti su Palazzo Manfredi: si tratta infatti di lavori legati a un contributo erogato a inizio 2021 dalla Regione, ora soggetto a regolare proroga visto che le tempistiche si erano dilatate a causa della pandemia.

Il totale dell’importo investito sfiorerà quindi i 600mila euro: 443mila quelli messi a disposizione dalla Regione, mentre il Comune, che anche in questo caso ha aperto un mutuo con la Cassa depositi e prestiti, si occuperà della cifra rimanente, pari a circa 156mila euro, di cui 56mila consistono in spese tecniche.
«Vista la storia dell’edificio e la tipologia dell’opera – spiega Barzaglia – si tratta di un intervento che ha necessitato del parere favorevole da parte della Soprintendenza. Si potrà partire con i lavori dopo l’estate perché vanno collocate le gru in piazza della Molinella, dove al momento sono presenti il palco e le sedute per gli eventi estivi».
Palco e sedute che resteranno al loro posto almeno fino al termine di Argillà, la mostra-mercato della ceramica internazionale in calendario dal 2 al 4 settembre. E così, salvo imprevisti, il cantiere potrà prendere avvio proprio nel mese di settembre.

Ma, mette in guardia l’assessora Barzaglia, «sarà un lavoro delicatissimo»: già, perché il soffitto del Salone delle Bandiere, così denominato perché vi si conservano gli stendardi dei cinque rioni cittadini, conta ormai diverse centinaia di anni di vita, essendo stato realizzato nel XIV secolo. Numerose anche le mostre che il Comune organizza periodicamente nello spazio. Caratterizzato dai tipici cassettoni che potranno così tornare a mostrare i propri colori, il soffitto del Salone reca inoltre nel fregio sottostante i blasoni di tutte le più importanti casate faentine dell’epoca.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui