Faenza piange la scomparsa dell’artista Muky

All’età di 95 anni, questa mattina, si è spenta Wanda Berasi, per tutti Muky, vedova del ceramista Domenico Matteucci. Originaria di Trento, seguendo la sua inclinazione artistica, Wanda Berasi si trasferì prima a Bolzano e poi a Roma dove studiò all’Accademia Tedesca di Villa Massimo. Qui iniziò ad entrare in contatto con la grande arte, conoscendo gli scultori Marino Mazzacurati e Leonardo Leoncillo e il pittore Renato Guttuso, del quale diventa la musa. In quegli anni Wanda decise di darsi un nome d’arte, facendo così nascere Muky. Negli anni ’50 e Muky si avvicinò al movimento artistico Informale e inizia ad esporre sue prime opere. Nel 1955 arrivò a Faenza, dove conobbe quello che poi sarebbe diventato prima il suo mentore nel mondo della ceramica e poi suo marito Domenico Matteucci.

“Dopo una vita dedicata all’arte, alla creatività, alla comunità, alla costruzione di una società migliore, questa mattina -dice il sindaco Massimo Isola- ci ha lasciato Muky. Ha vissuto da protagonista tutto il suo tempo, dedicando agli altri passione e risorse con gesti di grande altruismo e generosità. Per Faenza Muky è sinonimo di modernizzazione e di solidarietà. Una grande perdita”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui