Faenza, la polizia mette in guardia gli studenti dal cyberbullismo

Le nuove tecnologie digitali, ormai molto presenti nelle nostre vite, comprese in quelle dei giovanissimi, quando non controllate, spesso sconfinano in un uso distorto che si configurano come dei veri e propri reati. La didattica a distanza e gli smartphone nelle mani di bambini e adolescenti possono diventare, anche inconsapevolmente, miscela esplosiva. Per informare dei pericoli e per contrastare questo fenomeno il Comando della polizia locale dell’Unione della Romagna Faentina ha messo a punto e portando avanti un progetto che sta portando gli operatori della ‘locale’ a incontrare studenti delle scuole elementari e medie del territorio.

Durante la Dad – spiegano dal Comando di via Baliaticospesso, in maniera del tutto innocente, i piccoli studenti hanno ‘catturato’ dagli schermi immagini di compagni o insegnanti, che hanno poi reso ridicoli. Anche già solo questo comportamento si configura come reato. I nostri incontri, da 90 minuti ciascuno, che fino ad ora abbiamo portato avanti in diverse classi delle scuole medie della città, hanno lo scopo di spiegare quali reati si celano dietro l’uso distorto delle tecnologie digitali. Ma non ci fermiamo qui. Infatti, spesso raccogliamo lamentele e segnalazioni di atti di prepotenza che possono trasformarsi in reato di minacce o addirittura rapina. Comportamenti ai quali spesso tanti ragazzi assistono, mettono in atto o subiscono che poi si riverberano sul comportamento tra coetanei o in famiglia. La nostra azione vuol quindi mettere in guardia da atteggiamenti sbagliati e i reati ai quali si può incorrere. Sarebbe poi opportuno sensibilizzare le famiglie su questo importante tema. Spesso, complice il tran-tran quotidiano, il poco tempo a disposizione, alcuni genitori hanno poco tempo da dedicare al controllo dei figli attraverso i social e, altrettanto preoccupante, la tendenza a sminuirne i comportamenti distorti”.

I fenomeni legati a bullismo e cyberbullismo – dice l’assessore alla sicurezza Massimo Bosi – stanno purtroppo prendendo sempre più piede tra i nostri ragazzi. Compito delle istituzioni è di informarli, aiutarli e indurli a segnalare, senza alcun timore, se sono vittime di atteggiamenti sbagliati, in realtà veri e propri reati. Nel corso degli incontri gli operatori della polizia locale, che ringrazio per essersi messi a disposizione per questo progetto, vogliono far capire ai ragazzi quanto sbagliati siano i comportamenti adottati dai ‘bulli’ e che a sbagliare sono proprio loro, non chi subisce le loro angherie, spesso è proprio questa la sensazione che hanno le vittime. L’attività posta in essere dal Comando della polizia locale dell’Unione vuol far capire proprio questo e indurre, senza alcun indugio, i ragazzi vittime di questi episodi a confidarsi con chi sta loro più vicino: gli amici, la propria famiglia, il mondo della scuola. Questi poi dovranno poi contattare le forze dell’ordine per evitare ferite psicologiche che potrebbero rimanere indelebili. Il mondo dei social, per quanto sia positivo e importante risorsa, nasconde però anche tante insidie e le istituzioni devono saper aiutare chi, in questo mondo digitale, ne rimane vittima”.

Il progetto sulla legalità rivolto alle scuole del territorio continuerà nelle prossime settimane, dopo le festività pasquali, nelle scuole del territorio dell’Unione. Prossimi appuntamenti a Riolo Terme e Casola Valsenio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui