Faenza, l’imbrattatore seriale di muri contro il green pass incastrato dalle telecamere

Nei giorni scorsi alcune scritte vergate con bomboletta spray contro il ‘lasciapassare’ verde erano apparse sui muri della città. Gli agenti del Nucleo di polizia giudiziaria della polizia locale dell’Unione della Romagna faentina, dopo una rapida indagine hanno denunciato un 35enne. Il tutto ha avuto inizio quando il proprietario di uno degli edifici imbrattati si è presentato al comando di via Baliatico per sporgere denuncia. Gli agenti hanno così potuto dare il via alle indagini accertando che scritte dello stesso tenore erano apparse nello stesso arco temporale sui muri di altri edifici in centro. Attraverso le immagini delle telecamere della videosorveglianza cittadina e indagini sulle pagine social di alcuni faentini, il personale della polizia locale ha individuato il presunto responsabile che è poi stato colto in flagranza qualche sera fa attorno la mezzanotte, mentre aveva appena terminato di vergare un’altra scritta su un muro di un palazzo in via Strocchi.

L’uomo, condotto al comando della polizia locale, è stato denunciato per danneggiamento e imbrattamento con l’aggravante perché alcune delle scritte erano state vergate su immobili vincolati dalle Belle Arti. Il faentino così, oltre a dover rispondere delle sanzioni penali previste agli articoli 635 e 639 del codice penale, potrebbe essere chiamato a risarcire anche i danni in sede civile.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui