Faenza, il Mic riparte nel 2022 con mostre e nuovo sito

Dopo quasi due anni di pandemia, il Museointernazionale delle ceramiche ha presentato ieri mattina il programma per le attività del 2022: «Un ritorno alla normalità – auspica il presidente della Fondazione Mic, Eugenio Emiliani – perché vogliamo guardare con ottimismo all’anno che sta per iniziare».

Il calendario prevede tre mostre principali: oltre alla prosecuzione di “Gioia di ber”, che terminerà il 30 aprile, nelle sale del museo approderà anche l’antologica dedicata a Nino Caruso, «un progetto – spiega la direttrice Claudia Casali – nato a gennaio del 2020 in Giappone e che finalmente potremo ospitare a Faenza». La mostra su Caruso aprirà in maggio per chiudere a settembre: a essa seguirà l’ultimo pannello del trittico espositivo pensato dal Mic per il 2022, la mostra dedicata a Galileo Chini, genio del Liberty, che conterà più di 150 pezzi ceramici oltre a svariati disegni preparatori.

Ma il segno più tangibile della voglia di tornare alla normalità è nell’annuncio del ritorno di “Argillà”, festival internazionale della ceramica che negli anni è diventato un appuntamento imperdibile per faentini e turisti, ormai assente dal 2018: la tanto attesa settima edizione si terrà dal 3 al 5 settembre 2022 e il paese ospite, come annunciato tre anni fa, sarà l’Irlanda. «Finalmente – commenta il sindaco Massimo Isola – è giunto il momento di progettare in serenità eventi che trovano nell’internazionalità la propria dimensione. Si riapre un percorso e credo che condurrà verso una bella edizione».

Un altro grande ritorno sarà quello del prestigioso Premio Faenza: nell’autunno del 2022 uscirà il bando, mentre il premio vero e proprio si terrà nel 2023.

Da segnare in agenda, a novembre del prossimo anno, la mostra “Fragments” dell’artista Salvatore Arancio: «Una riflessione sulla rinascita del museo dopo i bombardamenti della Seconda guerra mondiale» anticipa Casali.

A contrappuntare il 2022 del Mic ci saranno poi una serie di eventi collaterali e iniziative, tra riprese di progetti già avviati e novità. Confermata ad esempio la summer school in collaborazione con l’Isia, mentre proseguirà anche il riallestimento delle sezioni permanenti: quello delle ceramiche greche, romane e estrusche sarà il decimo in 12 anni e verrà attuato in collaborazione con il dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna, proseguendo una sinergia che recentemente si è vista nell’ambito della mostra “Gioia di ber”.

Il museo sarà inoltre al centro di un progetto della Regione per non vedenti e ipovedenti. Infine è stato completamente rinnovato il sito: alla nuova veste digitale hanno lavorato Lorenzo Paganelli, Filippo Giannessi e Simone Romboli, mentre Interiortech ha realizzato un virtual tour dell’intera collezione servendosi di tecnologie all’avanguardia.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui