Faenza, abusi sulla sorellina: patteggia 2 anni

La bimba ha rimosso tutto. Gli abusi sessuali subiti dal fratello maggiore per circa un mese sono forse scomparsi dalla sua memoria, o sepolti nel profondo, nella speranza che nulla salti fuori. Quel terribile segreto, rivelato e poi negato su quanto accaduto oltre un anno fa tra le mura di casa, è riemerso però ieri mattina in tribunale dove il “fratellone”, un ragazzo poco più che maggiorenne, ha patteggiato la pena a due anni. Messo spalle al muro, aveva ammesso le proprie responsabilità, autodenunciandosi ai carabinieri. Così ieri, di fronte al giudice per l’udienza preliminare Andrea Galanti, ha accettato la sentenza concordata con il procuratore capo Daniele Barberini (sostituito in aula dal pm Antonio Vincenzo Bartolozzi).

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui