Da Faenza gli abiti per Angelina Jolie e Jennifer Lopez

FAENZA. A Officina-Design, laboratorio artigianale di sartoria sulla via Ravegnana, madre e figlia, Roberta Graziani e Gaia Lazzari, aiutate da alcune sarte in un piccolo spazio di una villa rurale, sono diventate un punto di riferimento per le grandi firme dell’alta moda: Versace, Cavalli, Peter Dundas e altri. La loro specializzazione sono i ricami, le rifiniture e le decorazioni. Così succede che da qui transitino abiti da sogno. Venerdì sera a Villa Gaia (si chiama così la residenza del laboratorio) è arrivato un suv scuro: ne è scesa una persona elegante, con gli occhiali da sole alla quale Gaia ha consegnato un involucro trattato con delicatezza: conteneva l’abito disegnato da Versace che indosserà Angelina Jolie a Los Angeles, il 13 luglio.

Sinuoso e sexy
«L’abito è molto bello, da sera, adatto per una cerimonia – spiega Roberta Graziani –: è lungo, a sirena, sinuoso e sexy a mettere in evidenza le forme anatomiche, con le spalle scoperte e décolleté, scavato sulla schiena fino al punto vita». Un abito sul quale le “sarte faentine” hanno realizzato ricami e rifiniture decorative. «Poco tempo fa – chiosa Gaia Lazzari – ne avevamo in consegna un altro splendido, sempre di alta moda destinato a Jennifer Lopez». Ne sono piene le cronache rosa dei favolosi abiti indossati dalle dive Hollywood, ed è risaputo che adorano commissionarli ai più famosi stilisti italiani e stranieri, ma che in tanti casi le rifiniture fossero opera di sarte faentine è una bella sorpresa.

Molte le richieste
«Capita – afferma Roberta Graziani – che ci chiamino a Milano per eseguire interventi di manifattura su creazioni, in occasione di sfilate oppure negli atelier più famosi per abiti particolari. Noi andiamo anche in gruppo e restiamo sul luogo per il tempo necessario. Siamo richieste, perché la nostra è una specializzazione raffinata e rara».
Da qui il progetto di Roberta Graziani di trasmettere la sua “arte di bottega”, aprendo all’insegnamento di un mestiere a giovani ragazze in un settore che offre soddisfazioni e possibilità di guadagno. «Sì – aggiunge – è da tempo che ci penso. Avrei bisogno di essere sostenuta per far nascere una sorta di “scuola”».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui