Faenza, a rilento le vaccinazioni dei bambini

La campagna vaccinale dei bambini tra i 5 e gli 11 anni procede a rilento anche nell’hub nel Centro fieristico in viale Risorgimento: la direttrice del distretto sanitario faentino, Donatina Cilla, ne ha parlato nel corso di una seduta della commissione consiliare V, aggiungendo che, per quanto riguarda nel complesso i territori gestiti dall’Ausl Romagna, solo il 13% della popolazione compresa in quella fascia d’età ha già ricevuto il vaccino.

«Secondo i dati relativi alla vaccinazione effettuata nel Padiglione B della Fiera – spiega Cilla – al 25 di gennaio le somministrazioni di prime dosi ai bambini dai 5 agli 11 anni sono state 595, 65 le seconde dosi». Va specificato che in Fiera vengono vaccinati solo i bambini che non presentano particolari patologie o fragilità – questi ultimi devono fare riferimento alla pediatria di comunità – e dunque il numero risulta suscettibile di lievi rialzi.

Dati che, in ogni caso, vanno interpretati anche alla luce dell’attuale situazione di contagi e quarantene incrociate: «Non pensiamo che dietro questi numeri vi siano posizioni di contrarietà ideologica al vaccino – sottolinea in proposito Donatina Cilla –. Ciò che stiamo osservando in questa fase è che circa un quarto delle famiglie che si sono regolarmente prenotate nel giorno stabilito non si presentano in Fiera. Noi le contattiamo una per una per accertarci dei motivi e la risposta è quasi sempre che i figli si trovano in quarantena o sono positivi. Molto raramente vengono avanzate spiegazioni di altra natura».

Un altro punto trattato dalla dott.ssa Cilla nel corso della commissione consiliare è stato quello dei piccoli focolai che si stanno formando in alcune strutture socio-sanitarie del territorio. Tra questi figura ancora la casa di residenza per anziani “Il Fontanone”, già drammaticamente colpita dal virus tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021.
«Si tratta in generale di situazioni molto dinamiche e in continuo mutamento – precisa ancora Cilla – e perciò non siamo ancora in grado di definirne l’entità precisa, ma ospiti e operatori sono coperti con tre dosi di vaccino e non si presentano quindi casi preoccupanti».

Analoghe riflessioni valgono anche per le residenze anziani “Sant’Antonio” di Casola Valsenio e “Lega-Zambelli” di Brisighella, oltre che per il centro faentino per disabili “Casa del Sole”. «Questi focolai – conclude Cilla – sono composti da numeri non trascurabili ma la situazione è costantemente monitorata, anche tramite Usca per quanto riguarda gli ospiti. Insomma, stanno tutti bene ma a scopo preventivo abbiamo già provveduto all’approvvigionamento dei dispositivi necessari in caso di insorgenza di sintomatologie specifiche».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui