Etilisti Noti a Predappio fra musica celtica e tradizione romagnola

È una vera festa quella organizzata dal trio forlivese Etilisti Noti al teatro comunale di Predappio questa sera alle 21. È una festa perché lo stile del gruppo è una sintesi tra folk irlandese e tradizione romagnola, quindi musica da ballo e compagnia, ma soprattutto perché nell’occasione sul palco insieme a loro ci saranno musicisti che hanno partecipato ai progetti passati della band. Tra questi Luis Vasquez ai flauti, Daniele Casadei alle percussioni, Marco Bonfiglioli al piano e alla fisarmonica e Marco Ciancaglini, Marco Tassani, Laura Zecchini e Laura Zoli alle voci.

Gli Etilisti Noti sono Arlo Zenzani al violino, Filippo Barucci alla chitarra acustica (autori dei brani) e Annalisa Licata alla voce, nati dieci anni fa dalla passione comune per la musica irlandese e il cantautorato italiano e internazionale. Hanno suonato molto dal vivo, ma sono arrivati al primo album solo nel 2018, dal titolo “Rovra”.

Ultimamente si sono dedicati alle relazioni tra musica celtica e tradizione popolare romagnola (anch’essa terra di radici celtiche), ed è nato il secondo album “Donca”, cantato in italiano e dialetto romagnolo. I brani del disco, tutti originali, raccontano un passato non troppo lontano, di nostalgia e ricordo. Storie ambientate nei luoghi dell’infanzia, paesaggi di collina teatro di feste di paese e rituali legati al calendario contadino. La title track “Donca”, cantata in dialetto romagnolo, ha per protagonista un giovane contadino invaghito di una misteriosissima «burdela mora», incontrata in una fredda giornata di novembre.

Gli Etilisti Noti si ispirano a leggende e canzoni d’amore, antiche nenie che riecheggiano nei boschi di collina e che ci parlano di storie dimenticate. Chiuderà il concerto di Predappio “1920”, che narra la storia d’Italia tra le due guerre, con un finale che apre alla speranza per un futuro migliore, particolarmente toccante in questo periodo di pericolo bellico incombente.

Biglietti a 10 euro
www.teatrodelleforchette.it

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui