Si intitola “Omaggio a Kurt Weill” ed è tutto dedicato a uno dei più grandi maestri europei del ’900, il concerto proposto dalla rassegna musicale “In tempo” nell’ambito di Emilia Romagna festival. A esibirsi questa sera alle 21 al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, sarà il Kurt Weill trio, composto da Daniele Santimone alla chitarra, Tiziano Negrello al contrabbasso e Massimo Mantovani al pianoforte: i musicisti proporranno un tributo alla produzione non classica di questo compositore tedesco estremamente versatile, che ha infuso nelle sue opere le tendenze creative del ventesimo secolo.

Una produzione ancora oggi di grande attualità e originalità, quale risultato della sua capacità di sintetizzare culture diverse attraverso elementi artistici appartenenti sia ai diversi ambiti della musica, che a quelli del teatro, vedi fra tutti la collaborazione con Bertolt Brecht per la celeberrima “Opera da tre soldi”, e del cinema. Apre il concerto il poeta Francesco Sassetto con i suoi versi tratti dalla sua ultima pubblicazione “Il cielo sta fuori” (Arcipelago Itaca).

Gli artisti

Diplomatosi col massimo dei voti al Berklee College of Music di Boston e al Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo, Daniele Santimone ha collaborato con diversi musicisti di rilievo nel panorama jazzistico nazionale e internazionale tra cui, Giulio Capiozzo, Ares Tavolazzi, Marco Tamburini, Jimmy Owens, Billy Hart, Cameron Brown, Jesse Davis, Karl Potter, Roberto Gatto, Marcello Tonolo, Pietro Tonolo, Fabrizio Bosso e molti altri. Attivo in diversi ambiti stilistici, si è esibito in importanti rassegne musicali a livello internazionale. Docente di chitarra jazz al Conservatorio “Pollini” di Padova, dirige da diversi anni l’ensemble Jazz della Scuola di Musica “G. Sarti” di Faenza.

Violinista, pianista e arrangiatore, Massimo Mantovani, svolge da anni attività nel campo del jazz e della musica moderna. Ha collaborato con numerosi artisti italiani e internazionali, tra i quali Jimmy Villotti, Hengel Gualdi, Marco Tamburini, Gabriele Mirabassi, Donovan Mixon, Tom Sheret e Sandra Rheder. Diplomato in contrabbasso al Conservatorio di Rovigo “ Venezze” è invece Tiziano Begrello. Inizia lo studio della musica jazz sotto la guida di Tomaso Lama, Claudio Fasoli e Pietro Tonolo. Come contrabbassista, bassista elettrico e batterista spazia tra molti generi musicali: ha all’attivo collaborazioni e dischi con artisti italiani e internazionali viaggiando tra la musica classica, il contemporaneo, il jazz, il pop e la ricerca. Dal 2001 è docente di contrabbasso, basso elettrico, batteria jazz, lettura ritmica ed è uno dei coordinatori della Big Band della scuola di Musica “Sarti” di Faenza. Ingresso 5 euro con prenotazione obbligatoria a info@micfaenza.org; 0546-697311. Gli spettatori che lo desiderano potranno partecipare, alle 19.45, ad una visita guidata a tema musicale alle collezioni del Mic. Il costo è di tre euro e anche qui è obbligatoria la prenotazione.

Altro concerto il 27 agosto

Il prossimo appuntamento della rassegna “In tempo”, a cura di Donato D’Antonio, è in programma il 27 agosto al Complesso ex salesiani alle 21 con un doppio concerto, fra classico e jazz, con i solisti dell’Accademia Marco Allegri.

Argomenti:

erf

faenza

Mic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *