Elezioni del 12 giugno: 8 comuni romagnoli devono scegliere il sindaco

Sono otto i comuni romagnoli che andranno al voto per le elezioni amministrative. Ecco le liste e i candidati in campo.


Provincia di Forlì

Nel Forlivese i cittadini di Castrocaro Terme e Terra del Sole, oltre quelli di Dovadola, sono chiamati alle urne per eleggere il nuovo sindaco e per il rinnovo del consiglio comunale. Nella cittadina termale sono giornate importanti per chiudere la partita sui candidati. Da un lato il centro sinistra, seppur non avendo mai confermato, pare essere compatto sul nome di Marianna Tonellato, attuale prima cittadina che correrebbe per il suo secondo mandato. Dall’altro il centro destra, invece, sta vagliando ancora le opportunità in quanto non è stata ancora raggiunta l’intesa. Infatti, Lega e Fratelli d’Italia sono orientati sulla figura di Francesco Billi, ex assessore alla cultura nella giunta guidata da Francesca Metri. All’interno della coalizione, però, la componente civica rappresentata da Bruno Benericetti (ex candidato alle amministrative 2017 con l’appoggio del partito di Giorgia Meloni) smentisce l’unità sull’ex assessore e chiede di tenere aperto il confronto per arrivare ad una candidatura condivisa per evitare l’errore commesso cinque anni fa. Allora la coalizione di centrodestra si spaccò: se le tre fazioni del centrodestra fossero rimaste unite avrebbero ottenuto il 56,6% contro il 43.4% del centrosinistra. A Dovadola, invece, lo scenario si ribalta. Il primo cittadino uscente, Francesco Tassinari, si propone per un altro mandato. Sul fronte del centrosinistra, invece, nemmeno l’ombra di un possibile candidato anche se le forze politiche assicurano di essere al lavoro. Cinque anni fa, Marco Carnaccini ottenne il 34,93% dei voti. Mentre il pentastellato Claudio Cagnani appena il 13,81%.


Comprensorio di Cesena

Nel comprensorio cesenate il 12 giugno si voterà solo per l’amministrazione comunale di Longiano. Il candidato sindaco della lista civica appoggiata dal centrosinistra, che attualmente guida il paese, è Mauro Graziano, attuale vicesindaco, di 46 anni. L’unico “sfidante” presentato finora per la lista civica “Siamo Longiano” è Matteo Venturi, 36 anni.


Provincia di Ravenna


Nel Ravennate si vota in un solo comune, Riolo Terme, dove è in lizza Federica Malavolti (classe 1974, già vicesindaca di Alfonso Nicolardi nel primo mandato dal 2012 al 2017) sostenuta dal Pd e dalla lista civica “Riolo Terme per la Comunità”. La sua è la seconda candidatura che arriva per le Amministrative riolesi: il primo ad annunciare la volontà di correre per guidare la prossima giunta è stato infatti Mirko De Carli del Popolo della Famiglia, anche se il centrodestra sarebbe in cerca di un nome civico in grado di unire Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.


Provincia di Rimini

Quattro i “campanili” contesi: Riccione, Coriano, Morciano e Sant’Agata Feltria. A Riccione la candidatura per il centrosinistra chiama in causa Daniela Angelini (Pd, Coraggiosa, M5s, Riccione 2030, Riccione nel cuore e Uniamo Riccione), mentre il centrodestra replica con Fabio Caldari (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Noi riccionesi e Lista civica Tosi). Sarà della partita anche Claudio Cecchetto. Ancora da capire cosa farà Attilio Cenni.
A Coriano il centrosinistra candida Cristian Paolucci e la formula utilizzata sarà quella della lista civica. Dall’altra parte le acque sono ancora in movimento e si attende la preferenza della sindaca Mimma Spinelli che dovrebbe cadere sul vice Gianluca Spinelli. Possibile anche una terza lista con a capo Enrico Santini.
A Morciano si profila una corsa solitaria per l’attuale sindaco Giorgio Ciotti, destinato a succedere a se stesso. Sostenuto da una lista civica raccoglie le simpatie sia del centrosinistra sia del centrodestra.
Chiude Sant’Agata Feltria che va al voto dopo la scomparsa del sindaco Guglielmino Cerbara, ma le candidature sono ancora in alto mare.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui