Elezioni a Riccione: Claudio Cecchetto lancia un sondaggio

Claudio Cecchetto sempre più lanciato verso la candidatura a primo cittadino alle prossime amministrative. Quantomeno al talent scout sta a cuore il futuro di Riccione tanto che, confrontandosi con un gruppo di imprenditori e persone che condividono gli stessi principi, ha lanciato un sondaggio, alla stregua di quello commissionato dal Partito Democratico, ma questa volta non si sceglieranno i papabili candidati, ma le proposte dei cittadini. E’ alla ricerca di una squadra Claudio Cecchetto: «Sto incontrando persone, sto testando il mio fiuto da talent scout, ma è come un campionato di calcio, bisogna sapere se hanno il cartellino libero».

Proposte protagoniste

«Sarà un sondaggio che permetta alla futura squadra della città di aprire gli occhi su ciò che davvero i riccionesi chiedono, su ciò che vogliono rinnovare, proteggere, inventare e migliorare – spiega Claudio Cecchetto -. Trascorro molto tempo a Riccione. Da sempre. Sento che sta crescendo tra i cittadini l’interesse e l’attenzione per l’elezione del nuovo sindaco. È il momento del progetto, della speranza, della visione del futuro. Un momento d’oro che non deve generare lotte e scontri per interessi personali ma un confronto aggregante per definire la squadra di persone che saprà fare il bene della Riccione di domani».

A Cecchetto non interessa quindi fare un sondaggio politico, ma sentire quali sono le urgenze dei cittadini. «Se Riccione è diventata quello che è, lo si deve agli imprenditori riccionesi, che vogliono solo poter lavorate – dice Cecchetto – ma devono essere messi nelle condizioni di farlo».

La ricerca di coesione

Il punto preso in considerazione è la frattura che si riscontra in città. Anche tra le persone divise, ragiona Cecchetto, si percepisce la difficoltà di questa mancata coesione. Per esempio sul tema sicurezza «Riccione è sempre stata una città sicura, queste avvisaglie ci hanno preoccupati, l’esigenza è quella di ripristinare queste difficoltà, anche con la collaborazione delle forze dell’ordine». Altro punto fondamentale è il “civismo”: Cecchetto ha da sempre evitato ogni identificazione politica, ma ragiona: «Il partito politico non deve dettare le regole, deve piuttosto aggregarsi, essere “sponsor”, non decidendo la linea, ma affiancarsi alla mission, a un’idea vincente, ad un team vincente».

Come avverrà il sondaggio

Il sondaggio è stato affidato alla società Astra Ricerche, leader nelle ricerche di mercato. Sarà affidato a strumenti tecnologici. Riguarderà, come minimo, 700/800 utenti intervistati. «Vorrei conoscere da questo sondaggio le cose buone per migliorarle, e le cose su cui intervenire. Serve aggregazione, poi – rifacendosi alla metafora calcistica – fatta la squadra, andiamo a fare il sindaco».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui