Effetti lunghi del Covid, passa l’odg: “Esiste una patologia”

Effetti lunghi del virus, San Marino corre ai ripari. Approvato l’ordine del giorno di Repubblica Futura sul Long Covid. Sono stati ratificati ieri mattina dal Consiglio gli ultimi due Decreti, relativi all’emergenza sanitaria. Il secondo documento è stato modificato con l’approvazione di un emendamento di Rf, in modo da far decadere il divieto per bar e locali, di metter a disposizione degli avventori i giornali. Approvato poi, con determinate modifiche, l’ordine del giorno sul Long Covid proposto da Sara Conti, Miriam Farinelli e Maria Catia Savoretti di Repubblica Futura. Che intendono dunque mettere nero su bianco una serie di impegni, tra cui spicca «la sensibilizzazione del Comitato esecutivo Iss, sul riconoscimento delle conseguenze pandemiche a lungo termine». Si intende così affrontare «un tema poco noto, ma che va emergendo in tutta la sua drammaticità: la cosiddetta sindrome da Long Covid». In quanto, spiegano, «il 10-20% delle infezioni da Covid porta ad una sindrome con effetti a medio-lungo termine che si riflette negativamente non solo sul soggetto, ma anche sulla società e l’economia». Perciò senza giri di parole, Rf chiede in primis che sia «riconosciuta l’esistenza di questa patologia, proponendo poi un percorso di assistenza adeguata in base a raccomandazioni e criteri definiti nei protocolli internazionali». Dopodiché Conti, Farinelli e Savoretti chiedono che il Segretario all’Istruzione Andrea Belluzzi scenda in campo a «sensibilizzare personale scolastico e Servizio minori, per individuare precocemente eventuali bisogni educativi speciali». Ed in conclusione si dicono soddisfatti perché, dopo «un iniziale chiusura da parte del Segretario alla Sanità, Roberto Ciavatta riguardo al primo testo depositato», grazie anche all’intervento dei colleghi di maggioranza, è stato raggiunto l’obiettivo prefissato.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui