Edoardo Turci presenta il suo libro su Pedretti

Oggi pomeriggio alle ore 17 Edoardo Maurizio Turci, Ennio Grassi e Manuela Ricci presenteranno il libro “Luigi Renato Pedretti. L’impegno senza confini di un ricercatore appassionato della ‘piccola Patria’” alla Biblioteca Baldini di Santarcangelo. Pubblichiamo qui un estratto dalla Prefazione di Ennio Grassi.

Con la riconosciuta, competente acribia del ricercatore di fonti archivistiche e con puntuale e inequivocabile cognizione selettiva, Edoardo Turci, storico di lunga lena, dedica questo suo nuovo lavoro alla figura di Luigi Renato Pedretti (1885-1973). Biografia che esce dal genere encomiastico, per farsi racconto di godibilissima lettura della vita pubblica e privata di questo personaggio, considerato per molti versi “scomodo” dalle istituzioni. Nel tempo dello spaesamento collettivo e della smemoratezza diffusa, Renato Pedretti è ricordato soprattutto come il padre di Nino, poeta e scrittore santarcangiolese e, per quelli di più datata generazione, come lo scopritore della grotte tufacee.
Pedretti ha abitato le città di residenza in stretto legame con i luoghi della memoria storica, quelli che giustamente riteneva fossero da proteggere quando non da riconsegnare dopo un lungo abbandono, allo sguardo vitale e identitario di concittadini, a loro volta spesso distratti. Fu questo il tratto più significativo del suo impegno cittadino che Turci rievoca con scrupolosissima documentazione, ciò che lo fece trovare in contrasto quasi sempre con Enti pubblici locali e statali, accusati da lui di indifferenza nei confronti del patrimonio artistico e culturale del luogo. Contrasti che lo resero appunto personaggio-protagonista, decisamente “scomodo”.
La biografia scritta da Turci, tra le altre cose, ha il merito di farci conoscere la fisionomia umana e culturale di Pedretti, a suo modo attuale per le problematiche che riuscì a imporre all’attenzione di tanti; un uomo che ha inteso esercitare quello che oggi viene comunemente chiamato il diritto di cittadinanza, senza compromessi con la proprio coscienza, consapevole che il bene comune è l’obiettivo di ogni azione pubblica.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui