Ecco tutti i timori di chi vive il Coronavirus a Cesena

CESENA: “Cesena come va?”, i cesenati raccontano la propria quarantena lanciando proposte per il futuro della città con un questionario da compilare che è ancora disponibile sui sito del comune. La metà dei cesenati, il 50% esatto, è preoccupata dagli effetti della pandemia in corso. È quanto emerge dal questionario lanciato dall’Amministrazione in vista del nuovo Piano Urbanistico Generale e finalizzato alla creazione di uno spazio di confronto su quelle che sono le tematiche centrali nella vita di tutti noi. Rispondendo alle domande i cittadini hanno condiviso timori e perplessità relativi a questo periodo di emergenza. Il 76% delle risposte sono arrivate dalla popolazione attiva: il 50% dai cittadini tra i 30 e i 50 anni, il 18% dagli under 30, il 18% dagli adulti tra i 50 e i 60 anni, il 10% dalle persone tra i 60 e i 70 anni, il restante 4% dagli over 70.

Alla domanda sulle principali difficoltà riscontrate durante il lockdown i cesenati rispondono che hanno sofferto maggiormente la lontananza dagli affetti, la paura del contagio e le limitazioni rispetto al movimento, dal praticare attività sportiva alla cura della persona. Inoltre, molti ritengono che il piccolo commercio di vicinato e tutti quei servizi fruibili entro il proprio Quartiere siano da annoverare tra gli aspetti positivi di questo periodo di emergenza. Particolare importanza viene data ai rapporti con i vicini, il 25% degli “intervistati” ha riscoperto l’importanza delle relazioni, e al volontariato, il 27% dei cesenati ha aiutato chi si è trovato in difficoltà o ha supportato un’associazione di volontariato attiva sul territorio.

Il questionario – disponibile all’indirizzo www.comune.cesena.fc.it/cesenacomeva per tutti coloro che non lo hanno compilato – si compone di sei diverse sezioni tese a conoscere a fondo il cittadino che risponderà alle diverse domande. Il percorso prende avvio con una prima parte anagrafica, in cui – in formato anonimo – vengono raccolti alcuni dati demografici e di residenza, di fascia di età, provenienza e composizione del nucleo familiare, quartiere di riferimento. La seconda tappa si concentra sull’aspetto relazionale, per capire come i cittadini vivono e affrontano questo momento di emergenza e quali sono le loro principali preoccupazioni, per sé stessi e le persone care, sia dal punto di vista emotivo, sia comportamenti. Le domande della terza sezione hanno invece l’obiettivo di raccogliere informazioni su come le persone hanno vissuto queste settimane di isolamento forzato in casa e di mobilità limitata, per comprendere se ci sono degli aspetti relativi ai servizi di prossimità su cui intervenire o che si possono migliorare. La quarta sezione accende i riflettori sulle sfide che i cittadini ritengono prioritarie per il futuro della città, dal sociale ai servizi, dall’ambiente al clima. A questo punto, ampio spazio è dedicato alle relazioni di vicinato con domande finalizzate a capire l’interesse a sviluppare a Cesena forme di collaborazione e partecipazione tra cittadini, associazioni e amministrazione pubblica. Il questionario si conclude con l’informativa sulla privacy per il trattamento dei dati e l’invio in formato anonimo. Al momento, su oltre 800 risposte depositate, con 100 persone hanno lasciato i propri riferimenti diretti per essere ricontattati, mentre il 30% di chi risponde è interessato a impegnarsi in prima persona per partecipare attivamente alla costruzione di idee e progetti per i propri quartieri e luoghi di vita.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui