E45, lavori per un investimento complessivo di 1 miliardo di euro

E45, lavori per un investimento complessivo di 1 miliardo di euro

Un miliardo di euro per l’E45. La Superstrada per i prossimi quattro anni sarà interessata da un piano di riqualificazione strutturale teso a migliorare le condizioni strutturali dell’intero percorso con una prospettiva di durata temporale di 30 anni. Lo hanno appreso nel pomeriggio di ieri i sindaci dell’Unione dei Comuni Valle del Savio convocati al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per aggiornamenti sullo stato di avanzamento dei cantieri alla presenza del Viceministro Giancarlo Cancelleri e dell’amministratore delegato di Anas Massimo Simonini. Il tavolo ha avuto lo scopo di sollevare le problematiche impellenti che riguardano l’asta della E45 e chiedere programmi di intervento concreti e chiari a partire dalla vecchia Ex 3bis Tiberina all’appalto sulle gallerie, a quelli lungo il tracciato, sino al piano di gestione e investimento della SP 138 tra Cesena e Verghereto nel momento in cui la medesima passerà sotto la competenza di Anas. Sono stati gli Amministratori romagnoli ad aprire i lavori manifestando la preoccupazione per lo stato di difficoltà che i cittadini e le aziende vivono quotidianamente a causa dei ripetuti e molteplici cantieri e delle questioni irrisolte connesse alla E45, che determinano problemi sociali ed economici. “Abbiamo potuto apprendere – commentano i primi cittadini dei Comuni dell’Unione Valle del Savio – che i numerosi cantieri presenti sulla E45 sono solo una prima tranche di quelli che verranno aperti nei prossimi 4 anni circa nell’ambito di un piano di investimenti di 18 cantieri per la riqualificazione e messa in sicurezza di 1 miliardo di euro. I cantieri attualmente in atto rappresentano l’esecuzione di un investimento di 30 milioni, che nel prossimo anno raddoppieranno, con altrettanti cantieri”.

In sostanza, si tratta di un programma che se da un lato creerà disagi, d’altro rappresenta un piano di riqualificazione strutturale che potrà migliorare le condizioni strutturali della E45 con una prospettiva di durata temporale di 30 anni. “All’interno di questo piano – proseguono i sindaci – rientra l’installazione di nuovi pannelli fonoassorbenti nei tratti segnalati che avverrà al termine dei cantieri di messa in sicurezza e riqualificazione”. Il primo tema posto sul tavolo è stato quello del ripristino e della riapertura della vecchia Ex 3bis Tiberina. Punto su cui Anas ha ribadito il proprio impegno ad avviare il cantiere nel momento in cui arriveranno le autorizzazioni da parte della Soprintendenza e della Regione Toscana, per cui è già pronto il progetto e i finanziamenti per la realizzazione. In merito allo stato delle gallerie invece il fermo lavori che si è protratto lungamente è stato causato dal fallimento delle imprese appaltatrici. Oggi questa situazione è superata in quanto si sono chiuse le pratiche di riassegnazione degli appalti. Per quanto riguarda la Galleria di Montecoronaro i lavori sono ripartiti mentre in relazione alla Galleria Roccaccia ripartiranno fra qualche settimana.

In merito alla gestione della SP 138, il tracciato da Cesena a Verghereto passerà alla gestione di Anas a partire dal 2021. La gestione unitaria da parte di Anas della E45 e della SP 138 permetterà di coordinare gli interventi e la gestione dell’una e dell’altra in riferimento a tutte le necessità in cui la SP 138 serve come bretella della E45. Un unico ente responsabile consentirà una maggiore responsabilità e una più accurata gestione anche della SP 138. Sulla stessa, Anas ha già stanziato un piano per investimenti di manutenzione straordinaria è previsto nella previsione corrente la gestione delle manutenzioni ordinarie, dello sfalcio dell’erba e dello sgombero neve. In ogni caso, lunedì 9 dicembre i sindaci dei Comuni dell’Unione Valle parteciperanno a un ulteriore tavolo con il Viceministro presso la sede dell’Unione della Valle del Savio di  Bagno di Romagna a Palazzo Pesarini, al quale seguirà un sopralluogo lungo l’asta della E45.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *