Morta Raffaella Carrà, il ricordo dei colleghi

ROMA. E’ morta Raffaella Carrà. Showgirl, cantante, ballerina, autrice, attrice e conduttrice televisiva, Raffaella Maria Roberta Pelloni (questo il nome all’anagrafe) era nata a Bologna il 18 giugno 1943. Aveva 78 anni e aveva trascorso molti periodi dell’infanzia a Bellaria. Il padre, gestore di un bar, era infatti originario della cittadina romagnola. L’annuncio è stato dato da Sergio Japino. Il 13 settembre del 2002 all’ospedale Infermi di Rimini era morto il fratello Enzo all’età di 57 anni. Due anni prima era rientrato a Bellaria dove aveva aperto una boutique.

Gianni Morandi

Sul suo profilo Facebook Gianni Morandi ha voluto ricordare l’amica e collega Raffaella con un video in cui tutti e due cantano assieme la canzone di Lucio Battisti “Il mio canto libero”. “5 luglio. Che dolore! Non ci voglio credere…” questo il commento del cantante.

Vasco Rossi

“La più bella e la più brava di sempre !! ciao Raffaella. Viva Raffaella Carrà”. Ha commentato invece Vasco Rossi sui social.

Laura Pausini

Laura Pausini ha invece scritto in maiuscolo: “IL MIO IDOLO DA SEMPRE E PER SEMPRE”. E poi: “Non dimenticherò la lettera che ci siamo scritte anni fa e le parole che ci siamo confidate. Sei nel cuore per sempre”.

Stefano Bonaccini

 “E’ un grande, grande dolore. Si fa fatica a credere che Raffaella Carrà non ci sia più”. Così invece commenta il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. “Sempre sorridente, amatissima dal pubblico, un talento che faceva di lei una grande artista: ballerina, cantante, attrice, conduttrice televisiva, autrice. In assoluto, fra coloro che hanno fatto la storia della televisione italiana. Ma soprattutto un modo di fare spettacolo che la portava a essere amica di tutte le italiane e gli italiani. Nata a Bologna e cresciuta a Bellaria-Igea Marina, conosciuta in tutto il mondo, portava con sé la nostra terra. Lascia davvero un vuoto enorme. A nome mio personale e di tutta la comunità emiliano-romagnola, mi stringo ai familiari, ai suoi cari, ai suoi collaboratori e collaboratrici, ai quali vanno le più sincere condoglianze”

L’ultimo tributo del Guardian

Raffaella Carrà è “La popstar italiana che ha insegnato all’Europa la gioia del sesso”. Con queste parole nel novembre 2020 il quotidiano britannico The Guardian  aveva reso omaggio alla “Raffa” nazionale, al suo caschetto biondo, ai suoi balletti e alle sue eterne canzoni. All’uscita del musical “Explota Explota!“, nel quale le canzoni Carrà fanno da filo conduttore, il Guardian  dedicò un ritratto ripercorrendone la brillante carriera, soffermandosi in particolare sui varietà televisivi degli anni Settanta, dove fece scalpore mostrando al pubblico l’ombelico e lanciando canzoni come Tanti auguri che col tempo è “diventata un inno al sesso e alla sessualità”. Un successo che è andato ben oltre il piccolo schermo tricolore: “Oltre a diventare una delle personalità più conosciute nella sua nativa Italia – continua l’articolo – ha fatto scalpore nel mondo di lingua spagnola del XX secolo. Dove la Svezia aveva gli Abba, l’Italia aveva Carrà, che ha venduto milioni di dischi in tutta Europa”.  

Commenti

  1. L unica vera Professionista e Signora dello spettacolo Ci lascia un vuoto incolmabile Ci lascia una sorella un amica Ti ho sempre ammirata e voluto bene pur non conoscendoti perché eri sensibile e umile e soprattutto semplice Ti porterò sempre nel mio cuore ❤️

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui