E’ forlivese l’allenatore della nazionale sordi di basket: “Pronti per gli Europei”

La lunga attesa è finita, si aprono le porte di una grande esperienza professionale e di vita e di un sogno sportivo: quello della Nazionale di pallacanestro per atleti con deficit uditivo e del suo commissario tecnico, il forlivese Alessandro Tumidei. Da oggi e sino al 23 ottobre, a Pescara vanno in scena i campionati europei che non mettono solo in palio il titolo continentale, ma qualificano direttamente le quattro semifinaliste (più la quinta dopo uno spareggio) alle Deaflympics, le Olimpiadi per atleti sordi che si svolgeranno a Caxias do Sul in Brasile dall’1 al 15 maggio. Per l’Italia è un traguardo non semplice da raggiungere, ma gli stimoli sono enormi. La rassegna continentale doveva svolgersi in Sardegna a giugno 2020, poi la pandemia ha bloccato tutto, ma non il lavoro di Tumidei che ricopre l’incarico di coach degli Azzurri dal dicembre 2019 coniugando questo impegno con quello di allenatore in serie C, ora a Castelnovo Monti. «Disputare gli Europei rappresentando il Paese è una grande emozione – afferma –. Il percorso è iniziato con la mia nomina da parte del direttore tecnico Tommaso Caroli a fine 2019, il Covid ha presto interrotto il lavoro, ma dopo non ci siamo mai fermati preparando i campionati con tanti raduni. Da oggi (ieri, ndr) anche io ho raggiunto la squadra a Pescara e sabato alle 12 esordiremo contro la Grecia». L’Italia è inserita nel Gruppo A assieme agli ellenici, Lituania, Bielorussia e Turchia. Le prime quattro accedono ai quarti di finale.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui