Dovadola, due “velo ok” installati sulla statale 67

Due “velo ok” sono stati installati in questi giorni a Dovadola a protezione del tratto urbano che affaccia sulla strada statale 67, altri due sono in arrivo nella frazione di Casone. In sostanza si tratta di due colonnine arancioni, con funzione di deterrente, per il rilevamento della velocità che funzionano quando viene collocato al loro interno dalla polizia locale un autovelox mobile. Lo stesso sindaco Francesco Tassinari aveva chiesto a gran voce e più riprese la possibilità di avvalersi di deterrenti, specialmente in questi due tratti di strada all’altezza dei centri abitati. «Dopo quattro anni, finalmente, abbiamo ricevuto i permessi per attivare i primi due velo ok – afferma il primo cittadino -. Trattandosi di un’arteria in capo ad Anas, le cose si sono protratte a lungo ma ora abbiamo installato le prime due colonnine». Da tempo, infatti, proprio nel passaggio dell’abitato di Casone, poco fuori Dovadola in direzione Rocca San Casciano, il sindaco e i residenti richiedono un intervento concreto e tangibile che funga da deterrente per chi ha il piede pesante sull’acceleratore. In passato, proprio in questo punto della statale 67, si sono verificati diversi gravi incidenti, specialmente nei fine settimana quando appassionati motociclisti salgono al Muraglione rendendo rischiosa la percorrenza a seguito dell’intemperanza di qualcuno. Insomma, ora con l’arrivo delle colonnine arancioni la situazione dovrebbe migliorare nettamente.

Con la loro visibile presenza, infatti, i velo ok dovrebbero spingere gli utenti della strada a rallentare e al contempo regalare maggior sicurezza in alcuni punti della rete viaria in cui, spesso, l’alta velocità costituisce un problema costante.

«A breve, speriamo, dovrebbero arrivare da Anas anche per altri due velo ok – conclude Tassinari -. Queste colonnine arancioni saranno collocate proprio nella frazione di Casone al fine di scongiurare altre tragedie».

Il Comune, per l’acquisto e l’installazione di tutti e quattro i nuovi deterrenti, ha speso 6mila euro. Nel territorio Forlivese i velo ok sono già attivi in diversi Comuni, gli ultimi in ordine di tempo sono stati installati a Meldola ed ora anche a Dovadola.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui