Donna azzannata dal cane a Gatteo: il racconto di chi l’ha salvata: “La stava sbranando”

L’aggressione di un grosso cane di cui ha fatto le spese l’altro ieri una donna, che ha rimediato numerose lesioni, viene ricostruita negli angoscianti dettagli dall’eroico salvatore che è giunto sul posto per primo ed è riuscito a strappare la vittima dai morsi. Sentite le urla strazianti, un artigiano-commerciante ha usato il cuore e l’intelligenza per evitare il peggio, precipitandosi in soccorso della malcapitata, che era ferita a braccia, gambe e schiena e aveva ancora il cane addosso.

L’attacco del grosso cane

È accaduto tutto verso le 18 di sabato scorso, mentre la ricercatrice 32enne Eleonora Tossani, residente in zona, si stava dedicando al jogging a Sant’Angelo, in via Campagnola, come aveva già fatto altre volte. All’improvviso un grosso esemplare di cane tipo San Bernardo, “impazzito”, l’ha azzannata da dietro e l’ha spinta in un fossato laterale per infierire su di lei. Il padrone del cane era presente ma era alle prese con altri due esemplari di San Bernardo. Tutti e tre sembravano agitatissimi. Per la 32enne le cose si stavano mettendo male, perché non riusciva a divincolarsi dalle fauci dell’animale. Una scena da film horror, con tante ferite, perdite di sangue e grida disperate.

Il soccorritore

Per fortuna, un artigiano-commerciante si trovava da quelle parti. Sentite le urla disperate, si è precipitato sul posto, ha avuto la prontezza di prendere in mano un bastone dal suo furgone da lavoro e ha iniziato a picchiare il cane per fargli lasciare la presa. Dopo un paio di colpi ben assestati, l’animale ha mollato la sua “preda”.

«Stava azzannando quella donna sulla schiena e sugli arti – riferisce Andrea Pazzaglia – Lei era sanguinante, stesa a terra in un fossato, con il cane sopra che la mordeva con violenza. Quando ha mollato la presa per le bastonate, ho sollevato la donna e l’ho posta nel camion furgonato, prima che il cane ci saltasse di nuovo addosso. Il cane la stava sbranando – riferisce il soccorritore, ancora scosso – Non ho mai visto una scena più cruenta in vita mia. Se avessi tardato mezzo minuto, forse l’animale l’avrebbe azzannata anche al collo e la situazione sarebbe davvero precipitata».

I soccorsi e la fine dell’incubo

«Messa in sicurezza la donna sul furgone – prosegue nel suo racconto Pazzaglia – ho chiamato al telefono sia l’ambulanza sia le forze dell’ordine. Quel cane era “schizzato” e continuava ad avventarsi verso il furgone. Nel frattempo, è giunta anche una persona di nazionalità marocchina con una zappa a darci manforte, e poi altri suoi concittadini».

È fatica riprendersi da uno choc del genere: «Non ho dormito per due notti di fila. Ho agito senza pensare ai rischi che correvo e lo rifarei mille volte. Nell’attesa dei mezzi di soccorso la ragazza mi ha ringraziato, come pure il fidanzato, sopraggiunto dopo. Spero che si riprenda presto».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui