Donini denuncia: taglio di cinquemila dosi da Astrazeneca

Nuovo taglio ai vaccini in arrivo in Emilia-Romagna. Questa volta è Astrazeneca a inviare una fornitura più ‘magra’ del previsto. A spiegarlo è l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, questa mattina a Bologna a margine della celebrazione della giornata in onore degli operatori sanitari. “Sono in arrivo in questi giorni i vaccini di Astrazeneca con una ulteriore decurtazione- conferma Donini- ne dovevano arrivare diverse decine di migliaia, ma abbiamo un taglio di 4.000-5.000 dosi. Non è come le altre volte, ma comunque non c’è un segno più. Speriamo che dalla prossima settimana ci sia un cambio di passo”. Nel solo territorio di Bologna, il taglio ai vaccini di Astrazeneca è di circa mille dosi: dalle 8.400 attese, conferma il direttore generale Ausl, Paolo Bordon, oggi ne dovrebbero arrivare circa 7.400, mentre Pfizer e Moderna dovrebbero consegnare regolarmente. “Sappiamo che febbraio è stato un mese sfortunato- commenta Bordon- ma confidiamo in una ripresa a marzo”. La riduzione di Astrazeneca si scarica di conseguenza sulla campagna vaccinale che dalla settimana prossima la Regione ha deciso di avviare per disabili e personale della scuola, con il coinvolgimento dei medici di base per le iniezioni. “Ci sono tempi tecnici per l’organizzazione- spiega Donini- ma soprattutto non abbiamo molti vaccini, quindi siamo a un passo ancora abbastanza lento. Noi, come organizzazione, siamo pronti a vaccinare tutti in pochissimo tempo, viaggiando fino a 50.000 somministrazione al giorno e con l’ulteriore potenziale dei medici di base. Ma servono i vaccini”. Dovrebbero essere invece al riparo da questi tagli alle forniture i richiami per chi ha già fatto la prima iniezione. “Le seconde dosi per anziani e operatori sanitari sono confermate- garantisce l’assessore- la priorità è completare l’immunizzazione”. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui