Mercoledì 29 giugno omaggio agli Area con Open Project a Forlì

FORLÌ. L’associazione Dai De Jazz prosegue il suo omaggio agli Area, in questo 2022 in cui si celebra il cinquantesimo compleanno della band. Era il 1972 infatti quando i giovanissimi  Demetrio Stratos, Giulio Capiozzo, Patrizio Fariselli, Paolo Tofani, Patrick Djivas (a cui subentrerà Ares Tavolazzi), con Eddie Busnello aprivano i concerti dei Nucleus e poi dei Gentle Giant e di Rod Stewart, e iniziarono le incisioni di “Arbeit macht frei”, pubblicato nel 1973. Domani martedì 28 giugno quindi alla Fabbrica delle Candele di Forlì (ore 21.15) Area Open Project presenta il suo album “100 Ghosts”, firmato da Patrizio Fariselli che guida il gruppo. “100 Ghosts” (2018), ultima incisione del musicista di Cesenatico, è frutto della sua nuova stagione compositiva da cui nasce anche Area Open Project, formato dallo stesso Fariselli, al piano e tastiere, dalla cantante Claudia Tellini, da Cristina Crucitti (basso), Giovanni Giorgi (batteria) e Stefano Fariselli (flauto). Il pianista degli Area negli anni ha riproposto varie volte la musica del suo gruppo, ad esempio nell’album “Area. Variazioni per pianoforte” del 2005. L’esperienza degli Area del resto è stata uno dei momenti musicali più interessanti del panorama europeo, portatrice dell’idea che la musica può essere uno strumento politico attraverso il quale intervenire su temi d’interesse sociale partecipando alla formazione di una coscienza collettiva. Questo è evidente se si pensa ad album come “1978 gli dei se ne vanno, gli arrabbiati restano”, l’ultimo realizzato con Stratos, che morì nel 1979, o a “Caution Radiation Area” (1974), e “Crac!” (1975). Oggi Area Open Project riprende quella tradizione, proponendo anche un viaggio nel jazz tra sonorità elettroniche, world ed etniche, sempre all’insegna della sperimentazione. Ingresso: € 15-13. Info: nicolacataldo@alice.it 340 5395208. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui