RAVENNA. In tanti domenica scorsa al Parco Teodorico hanno accolto gli atleti che stanno partecipando all’iniziativa “Dai segni ai sassi. Valle Camonica-Matera”, un viaggio in otto tappe in handbike, carrozzina a spinta e tandem per non vedenti organizzato dalla Polisportiva Disabili Valle Camonica. I partecipanti sono stati accolti dalla Cooperativa sociale San Vitale ma anche da Renata Perissinotto, presidente del centro Sport Terapia Judo Ravenna accompagnata da tre atleti del centro con i loro amici e genitori, da Claudia Subini del Coni di Ravenna da Ouidad Bakkali, assessore alla Pubblica istruzione del Comune, da Davide Rossi presidente del Panathlon di Ravenna, da Mirella Cardona del Volley per i Disabili di Ravenna, che per trent’anni ha allenato la squadra di pallavolo della cooperativa sociale San Vitale e da Alessandro Bondi, presidente del Csi Ravenna. Dopo la tappa di Ravenna, gli atleti hanno continuato il loro viaggio verso Gubbio. L’ultima tappa, il 31 agosto, sarà Matera. Tra gli atleti partecipanti Mirco Bressanelli, che ha subito una doppia amputazione agli arti inferiori, Giuseppe Romele che viene dal nuoto paralimpico, Andrea Ghirardi che ha adattato una bicicletta, come forma di riabilitazione, in seguito a un serio incidente stradale, Emanuele Bersini, ipovedente dalla nascita e Alberto Zin, che dal 2000 fa la guida di tandem per non vedenti.

Argomenti:

ciclisti

disabilità

matera

ravenna

tappa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *