Delitto di Faenza, dubbi sul viaggio all’alba. Oggi addio a Ilenia

Tra gli elementi sospetti per gli inquirenti che indagano sulla morte di Ilenia Fabbri c’è anche l’insistenza con cui l’ex marito avrebbe cercato di convincere la figlia Arianna a partire all’alba per andare a Milano a ritirare una vettura usata. Uno dei tanti dubbi sulla morte della 46enne uccisa di cui stamane è prevista la celebrazione dei funerali in forma riservata. Le indagini sul caso proseguono senza sosta, tanto che gli inquirenti si sono organizzati a squadre con compiti specifici per analizzare la mole di materiale acquisito e verificare ogni aspetto della vicenda. Un’indagine ad ampio raggio quella condotta dal personale della Squadra Mobile di Ravenna e della Scientifica con il coordinamento del sostituto procuratore Angela Scorza, per ora incanalata su una pista ben delineata: quella dell’assassinio su commissione. Indagato a piede libero per omicidio in concorso con il materiale esecutore del delitto (al momento ignoto) è l’ex marito della vittima, Claudio Nanni. Il 53enne è sospettato di aver assoldato il killer che ha ucciso l’ex moglie, tanto che tra le aggravanti contestate dalla Procura, oltre a quelle del vincolo familiare e dei motivi abietti, c’è anche la premeditazione.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui